Attacco all’Ucraina: Bruxelles in crisi

Stato: 03/04/2022 22:14

Sia i ministri degli esteri dell’UE che i ministri degli esteri della NATO si sono incontrati a Bruxelles. E il desiderio di imporre sanzioni è enorme, proprio come l’odio espresso nelle azioni di Putin. Una no-fly zone non dovrebbe arrivare in Ucraina.

Dopo i ministri degli esteri della NATO, venerdì pomeriggio anche i ministri degli esteri dell’UE hanno discusso della guerra in Ucraina. Ulteriori colloqui bilaterali si sono svolti tra, ad esempio, tra il presidente della Commissione europea Ursula van der Leyen e il segretario di Stato americano Anthony Blinken, e il G7 ha rilasciato una dichiarazione congiunta.

Ue: le sanzioni hanno effetto

Il boss del Cremlino Vladimir Putin ha minacciato di imporre più “gravi sanzioni” alla Russia se non pone fine alla guerra di aggressione in Ucraina. “Siamo impegnati, siamo uniti”, ha detto a Plinkon. Secondo Van der Leyen, le sanzioni contro la Russia hanno effetto. Un totale di 40 Stati – compreso il G7 – hanno già adottato misure penali come l’UE.

Joseph Borel, capo della politica estera dell’UE, ha sottolineato che le sanzioni dell’UE non mirano a spostare il potere in Russia. Sono stati imposti a causa della guerra contro l’Ucraina.

Blingen ha affermato che gli Stati Uniti ei loro alleati europei dovrebbero continuare a fare pressione sulla Russia fino alla fine della guerra. “Purtroppo”, tutti hanno dovuto fare i conti con il fatto che la guerra non sarebbe mai finita, ha detto Blingen. Pertanto, è necessaria più pressione “finché non si ferma”. La reazione dell’Ue ha riconosciuto Plingon come “storico”.

L’Unione Europea regola la cooperazione giudiziaria con la Russia

L’UE ha inoltre annunciato che coopererà con la Russia nel campo della giustizia nella guerra di aggressione contro l’Ucraina. Il ministro della Giustizia francese Eric DuPont-Moretti ha affermato che le richieste russe e bielorusse di assistenza legale o estradizione nell’area del diritto penale non saranno più accettate. La cooperazione nel diritto penale si basa sulla fiducia e sul rispetto del diritto internazionale. È stato deciso di indagare sui casi separatamente nel prossimo futuro.

Anche i loro colleghi di Stati Uniti, Gran Bretagna e Canada hanno partecipato a una riunione speciale dei ministri degli esteri dell’UE a Bruxelles. Secondo Borel, nella consultazione è stato coinvolto anche il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba.

Consultazione dei Ministri degli Esteri della NATO

I ministri degli esteri della Nato si erano già incontrati questa mattina a Bruxelles. Dopo i colloqui, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha chiarito che la NATO non avrebbe soddisfatto la richiesta dell’Ucraina di una no-fly zone sull’Ucraina. Gli alleati hanno convenuto che gli aerei della NATO non dovrebbero operare nello spazio aereo ucraino.

“Come alleati della NATO, abbiamo la responsabilità di impedire che questa guerra si intensifichi oltre l’Ucraina perché è più pericolosa, più catastrofica e potrebbe causare più sofferenze umane”, ha affermato Stoltenberg. Per imporre la no-fly zone, gli aerei da guerra della NATO devono sorvolare lo spazio aereo ucraino e abbattere gli aerei russi. Comprendiamo la frustrazione dell’Ucraina, ma crediamo fermamente che una tale mossa porterebbe a una grande guerra in tutta Europa.

READ  L'oligarchia russa: i super ricchi in fuga

Il presidente ucraino Volodymyr Zhelensky ha precedentemente detenuto paesi della NATO Richiesto urgentemente Per impedire alla Russia di lanciare ulteriori attacchi aerei sul suo Paese.

Riarmo nell’area dell’Alleanza Orientale

Secondo Stoltenberg, le nazioni della NATO stanno anche discutendo di una ricognizione a lungo raggio nell’Alleanza orientale. “Ora stiamo seriamente considerando un aumento significativo della nostra presenza: più truppe, più difesa aerea, più resistenza”. I dettagli sono attesi in una riunione dei ministri della Difesa il 16 marzo.

Stoltenberg ha sottolineato che la parte orientale del paese era già stata rafforzata subito dopo lo scoppio della guerra in Ucraina e che si potrebbe concedere più tempo per il processo decisionale. Ha notato che migliaia di truppe aggiuntive venivano inviate in paesi come gli stati baltici e la Romania.

Stoltenberg si aspetta più sostegno dall’alleanza per i suoi alleati al confine con Russia, Georgia e Bosnia-Erzegovina.

Dichiarazione dei Paesi del G7

A seguito dei colloqui, i paesi del G7 hanno minacciato ulteriori sanzioni in una dichiarazione congiunta rilasciata dal Ministero degli Esteri federale a Berlino che chiedeva la fine immediata dell’offensiva russa in Ucraina. L’invasione russa del paese vicino è una “palese violazione dei principi della pace e della sicurezza internazionale e del diritto internazionale”. La Russia deve “fermare immediatamente la sua continua aggressione all’Ucraina”, che “colpisce drammaticamente la popolazione civile” e distrugge le infrastrutture civili.

Secondo Borel, capo della politica estera dell’UE, l’esercito russo sta prendendo di mira una serie di obiettivi civili in Ucraina. “Sembra che vogliano distruggere l’Ucraina”. Il percorso umanitario è necessario.

“L’attacco nucleare viola il diritto internazionale”

I ministri del G7 hanno espresso la loro determinazione ad “affrontare la propaganda di disinformazione russa” e hanno invitato la Russia a fermare i suoi attacchi nelle immediate vicinanze degli impianti nucleari ucraini. “Attacco armato o minaccia contro centrali nucleari utilizzate per scopi pacifici” è una violazione dei principi della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale.

READ  40 La migliore alimentatori gaming quale comprare del 2022 - Non acquistare una alimentatori gaming quale comprare finché non leggi QUESTO!

I ministri degli Esteri hanno reagito al bombardamento della centrale nucleare di Saboria, che è stata data alle fiamme durante la notte. La più grande centrale nucleare d’Europa è ora nelle mani della Russia.

Con informazioni di Matthias Reich presso lo studio ARD di Bruxelles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.