Azioni globali, petrolio in aumento mentre gli Stati Uniti vietano le importazioni di petrolio russo

NEW YORK (Reuters) – I mercati azionari globali sono scesi martedì con il petrolio che si è mantenuto vicino ai livelli record dopo che gli Stati Uniti hanno bandito il petrolio russo e altre importazioni di energia, aumentando la volatilità e le preoccupazioni per l’inflazione.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha vietato le importazioni russe di petrolio e gas. La Gran Bretagna ha annunciato poco prima delle dichiarazioni di Biden che avrebbe gradualmente interrotto l’importazione di petrolio e prodotti petroliferi russi entro la fine del 2022.

L’aumento dei prezzi del petrolio ha attenuato alcune notizie, poiché il benchmark internazionale del greggio Brent di maggio è aumentato del 2,29% a $ 122,13 alle 12:45 ET (1745 GMT), in calo da un massimo di oltre $ 139 al barile nella sessione precedente. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, le sanzioni occidentali hanno tagliato la Russia fuori dal commercio internazionale e dai mercati finanziari. Per saperne di più

La Russia, che descrive le sue azioni in Ucraina come una “operazione speciale”, ha avvertito che i prezzi potrebbero salire fino a $ 300 al barile e potrebbe chiudere un importante gasdotto verso la Germania se l’Occidente bloccasse le importazioni di petrolio a causa dell’invasione dell’Ucraina. Per saperne di più

Jason McMahon, responsabile dell’analisi del rischio geopolitico di Morning Consult, ha definito degno di nota il divieto statunitense alle importazioni di petrolio russo, ma ha affermato che il “vero evento” sarebbe l’Europa che vieta le importazioni di energia russa.

READ  Le ferrovie canadesi CP hanno chiuso le ferrovie, i lavoratori scioperano

“Data la dipendenza relativamente alta dell’Europa dalle forniture energetiche dalla Russia, una mossa del genere, se realizzata, avrebbe significative ramificazioni economiche e geopolitiche”, ha affermato McMahon.

In assenza di tale divieto, i mercati hanno reagito positivamente al divieto statunitense, invertendosi per fare un leggero rialzo nelle contrattazioni di mezzogiorno.

Indice azionario mondiale MSCI (.MIWD00000PUS)che misura le azioni in 50 paesi, è aumentato dello 0,44%.

Media industriale del Dow Jones (.DJI) L’indice Standard & Poor’s è salito di 444,6 punti, ovvero dell’1,35% (.SPX) Ha guadagnato 48,35 punti o 1,15% e l’indice Nasdaq Composite (diciannovesimo) Ha aggiunto 229,16 punti, o 1,79%. L’indice STOXX 600 è in ribasso dello 0,51% (.stoxx).

Solita Marcelli, chief investment officer per le Americhe presso il braccio di gestione patrimoniale di UBS, ha affermato che l’aumento dei prezzi del petrolio nell’ultima settimana – il secondo più grande balzo in 30 anni – è destinato a continuare, causando una continua volatilità del mercato.

“La guerra russo-ucraina ha fatto salire i prezzi del petrolio più velocemente di quanto ci aspettassimo, ma vediamo ancora uno stretto equilibrio tra offerta e domanda di greggio a livello globale, anche se le ostilità finiscono e il rapporto di rischio geopolitico associato al greggio diminuisce, ” ha detto Marselli.

Il greggio statunitense è recentemente aumentato del 2,29% a $ 122,13 al barile, mentre i prezzi dell’oro rifugio sono aumentati dell’1,9% a $ 2.035,30 l’oncia.

Martedì il London Metal Exchange (LME) ha sospeso le negoziazioni di nichel dopo che i prezzi sono raddoppiati in poche ore raggiungendo il record di $ 100.000 a tonnellata, alimentati da una corsa per coprire posizioni corte. Per saperne di più

READ  IHOP offre pancake gratuiti il ​​martedì

UBS Global Wealth Management ha raccomandato una posizione neutrale sui titoli e consigliato ai clienti di detenere materie prime, titoli energetici e dollaro USA come copertura di portafoglio a breve termine.

L’aumento dei prezzi del petrolio e di altre materie prime ha accresciuto le preoccupazioni degli investitori sull’inflazione globale. I dati di questa settimana dovrebbero mostrare che l’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è aumentato del 7,9% su base annua a febbraio, dal 7,5% di gennaio. Per saperne di più

Il rendimento dei titoli di Stato di riferimento della Germania è aumentato notevolmente e l’indicatore delle aspettative di inflazione nel mercato a lungo termine della zona euro è salito al livello più alto dalla fine del 2013.

Il rendimento del Tesoro USA a 10 anni è stato dell’1,688%.

L’euro è salito dello 0,75% a 1,0933 dollari dopo essere stato colpito, ed è sceso del 3% la scorsa settimana al livello più basso dalla metà del 2020.

L’indice del dollaro è sceso dello 0,32%.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Elizabeth Dilts Marshall) Segnalazione aggiuntiva di Saikat Chatterjee, Elizabeth Hoecroft, Sujata Rao e Julie Zhou; Montaggio di Susan Fenton, Angus McSwan e Jonathan Otis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.