Conflitto in Ucraina: gli USA accusano la Russia di complotto di sabotaggio

Stato: 15/01/2022 08:43

Il tono tra USA e Russia sulla crisi ucraina continua ad essere teso. Washington sta ora accusando il Cremlino di preparare agenti per il sabotaggio. La Russia ha lanciato un ultimo avvertimento all’Occidente.

I migliori ambasciatori in Russia e negli Stati Uniti hanno trascorso giorni a discutere su come risolvere il conflitto in Ucraina. Nonostante sia stata negoziata una maratona, non è stato ancora raggiunto un accordo. Al contrario, entrambe le parti continuano a dare un tono tagliente. Il governo degli Stati Uniti ha accusato la Russia di creare scuse per l’aggressione contro l’Ucraina. La base dell’accusa è la scoperta dei servizi segreti.

“Abbiamo informazioni che la Russia ha già inviato una squadra di agenti per effettuare un’operazione sotto falsa bandiera nell’Ucraina orientale”, ha detto il portavoce della Casa Bianca Zhen Zaki. Questi agenti sono stati addestrati alla “guerra urbana” e alla manipolazione delle munizioni per compiere atti di sabotaggio contro le autorità russe, per le quali Mosca in seguito ha cercato la responsabilità di Kiev.

Disinformazione mirata?

“Se la diplomazia non riesce a raggiungere i suoi obiettivi, siamo preoccupati che il governo russo si stia preparando per un’invasione dell’Ucraina, che potrebbe portare a diffuse violazioni dei diritti umani e crimini di guerra”, ha affermato Psaki. La Casa Bianca non ha fornito alcuna indicazione di quanto sia realistica la valutazione dell’intelligence.

Oltre all'”operazione sotto falsa bandiera”, ha anche gettato le basi per una falsa campagna di informazione in cui l’Ucraina è stata descritta mentre pianificava un’offensiva immediata nell’Ucraina orientale, ha spiegato Psaki. Dovrebbe giustificare un intervento russo e seminare divisioni in Ucraina.

READ  40 La migliore plastificatrice a caldo del 2022 - Non acquistare una plastificatrice a caldo finché non leggi QUESTO!

Funzionari russi diffonderanno storie sul deterioramento della situazione dei diritti umani in Ucraina e sulla crescente militanza dei leader ucraini. “È tutta una diffusione di disinformazione”, ha detto Saki. Questa pratica è già nota dal 2014, quando la Russia ha annesso la Crimea.

Lavrov: “Siamo alla fine della nostra pazienza”

Prima che Psaki andasse alla stampa, le accuse contro la Russia erano trapelate da funzionari governativi senza nome a Washington. Le loro dichiarazioni hanno provocato indignazione a Mosca. “Tutte queste notizie sono finora infondate e nulla è stato confermato”, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov all’agenzia di stampa statale TASS.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha chiesto una risposta scritta immediata alla sua richiesta di garanzie di sicurezza. La presenza di truppe e armi della NATO vicino ai confini della Russia pone una sfida alla sicurezza del suo paese, che dovrebbe essere affrontata immediatamente, ha affermato. In attesa di risposta la prossima settimana. In caso contrario, la Russia deciderà come garantire in modo affidabile la propria sicurezza. “Siamo alla fine della nostra pazienza”, ha detto Lavrov.

Ha chiarito che i colloqui sul controllo degli armamenti erano secondari rispetto al suo paese. “Devi capire che la garanzia che la NATO non si espanda a est è fondamentale”, ha detto. Le richieste della Russia non sono un menu selezionato tranne un set.

La Russia sta spostando truppe dall’est?

Nel frattempo, ci sono notizie negli Stati Uniti secondo cui l’esercito russo sta spostando missili a corto raggio, elettronica, veicoli corazzati e carri armati dalla parte orientale del Paese verso il confine ucraino. Un gruppo di ricerca dell’Atlantic Council, un think tank a Washington, afferma che il movimento delle truppe è iniziato molto prima che gli Stati Uniti e la NATO tenesse colloqui con la Russia.

READ  40 La migliore xiaomi mi tv box del 2022 - Non acquistare una xiaomi mi tv box finché non leggi QUESTO!

Fonti pubblicamente disponibili suggeriscono che nello scambio siano coinvolte divisioni provenienti da tutto l’Estremo Oriente della Russia, secondo un articolo pubblicato ieri. A Washington, politici come il deputato democratico Adam Schiff credono che Putin possa aver preso una decisione molto tempo fa su un’altra invasione dell’Ucraina.

Il Cremlino lo nega categoricamente. Il presidente Vladimir Putin ha chiesto alla NATO di non accettare l’Ucraina o altri paesi che in precedenza facevano parte dell’Unione Sovietica. Inoltre, la NATO sta cercando di ritirare l’equipaggiamento militare non solo dall’Ucraina, ma anche da Estonia, Lettonia e Lituania, che sono membri della NATO da 18 anni.

L’Occidente ha già respinto queste richieste. Tra l’altro, sottolinea che ogni Stato sovrano determina la propria politica estera – e in quale alleanza si unisce.

Selenskyj propone un discorso a tre

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Gelensky ha chiesto colloqui a tre con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente russo Vladimir Putin. L’amministratore delegato di Gelensky, Andrei Yermak, ha detto al Consiglio Atlantico che il presidente aveva raccomandato a Biden di tenere una riunione tripartita, forse “tramite videoconferenza”. “Stiamo ancora aspettando una reazione da parte russa”, ha detto Yermak. “Ma i nostri partner americani hanno risposto con entusiasmo al nostro piano”.

L’UE adotta un piano in dieci punti

Ciò ha portato a rinnovate tensioni nel conflitto in Ucraina. Mercoledì, 30 nazioni della NATO e la Russia hanno tenuto colloqui per la prima volta in due anni e mezzo.

In una riunione a Brest, in Francia, i ministri degli Esteri dell’UE hanno concordato un piano in dieci punti per trattare con la Russia. Il concetto considera la dipendenza da una combinazione di prevenzione e dialogo in vista del reclutamento di truppe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *