“Delusione e ansia”: il viaggio di Assad a Dubai sorprende gli Stati Uniti

“Delusione e ansia”
Il viaggio di Assad a Dubai ha colto di sorpresa gli Stati Uniti

Il sovrano di Damasco non si recò in nessun paese arabo dopo la guerra in Siria. Assad è attualmente in visita negli Emirati Arabi Uniti. Gli Stati Uniti hanno reagito con forza al temuto compromesso tra il dittatore e il loro alleato.

Gli Stati Uniti hanno espresso “profonda delusione” per la visita del sovrano siriano Bashar al-Assad negli Emirati Arabi Uniti. “Siamo profondamente delusi e preoccupati per questo tentativo di legalizzare Bashar al-Assad”, ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato americano Nate Price. Il presidente siriano ha fatto una visita a sorpresa negli Emirati il ​​giorno precedente, la sua prima visita ufficiale nel mondo arabo dall’inizio della guerra civile siriana nel 2011.

Assad è “responsabile e responsabile delle morti e delle sofferenze di innumerevoli siriani”, ha detto Bryce. Ha esortato gli alleati degli Stati Uniti a non normalizzare le relazioni di Assad con la Siria di fronte alle “orribili atrocità” del regime. Gli Emirati Arabi Uniti sono un partner chiave degli Stati Uniti e hanno normalizzato le relazioni con Israele dal 2020.

Assad felice in un vivace scambio

Sanaa e l’Agenzia statale degli Emirati WAM hanno rilasciato le immagini della visita. Un buon comico Assad è visto in vivace scambio con i delegati degli Emirati. Di conseguenza, Assad ha tenuto colloqui con lo sceicco Mohammed bin Sajid Al Nahjan, il principe ereditario di Abu Dhabi e il vero sovrano del Golfo, e lo sceicco Mohammed bin Rashid Al-Maktoum, emiro di Dubai. WAM riferisce di aver parlato con Sajid del ritiro delle truppe straniere dalla Siria e del “sostegno politico e umanitario alla Siria e al suo popolo”.

La Siria è stata espulsa dalla Lega Araba nel 2011. L’anno successivo, gli Emirati Arabi Uniti hanno interrotto i legami con la Siria. Da tempo, però, i due Paesi arabi si stanno muovendo di nuovo l’uno verso l’altro. Nel dicembre 2018, gli Emirati Arabi Uniti hanno riaperto la sua ambasciata a Damasco.

Anche la Russia è stata coinvolta nella guerra in Siria. Con il sostegno di Mosca, negli ultimi anni le forze armate di Assad hanno ripreso il controllo di gran parte del Paese. Mosca sta attualmente reclutando migliaia di combattenti in Siria per la guerra di aggressione contro l’Ucraina. Devono andare nell’esercito regolare russo o in guerra con i militanti.

READ  40 La migliore assenzio del 2022 - Non acquistare una assenzio finché non leggi QUESTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.