Due anni fuori dall’UE: come stanno gli inglesi dopo la Brexit?

Due anni dopo aver lasciato l’UE
Come stanno gli inglesi dopo la Brexit?

Carenza di personale, scaffali vuoti e paura per il futuro: due anni dopo la Brexit, molti britannici considerano l’uscita dall’UE un pericoloso errore. In un sondaggio, più di sei su dieci hanno valutato l’uscita dall’UE come negativa o peggiore del previsto. Molti Brexiteer sono tra i delusi.

Il 31 gennaio 2020 non è una buona giornata per la bandiera blu con le stelle gialle. In Parliament Square a Londra, alcuni aspri oppositori dell’UE l’hanno calpestata, mentre altri hanno pianto a casa. Al parlamento dell’UE cantarono “Alt Long Sign” e liberarono gli inglesi. Sono passati due anni da quando la Gran Bretagna ha lasciato l’UE: la sua gente è più divisa che mai. Come pensano gli inglesi, che si battono per la sopravvivenza politica del Primo Ministro, sulla Brexit e su un accordo commerciale 24 mesi dopo? Una passeggiata nella capitale britannica.

“Vorrei che fossimo ancora nell’UE”, dice Carol Christophe, di Surrey Hills, mentre cammina con suo marito nella piazza di Covent Garden. Ha votato contro la Brexit ed era preoccupato per le sue figlie (17 e 21) che volevano intraprendere una carriera internazionale. È possibile solo per i britannici con il visto appropriato vivere e lavorare dove vuoi: è costoso e richiede tempo. Lo stesso vale per i cittadini dell’UE, molti dei quali sono venuti nel Regno Unito per lavorare. Oggi Christophe osserva la ricerca di dipendenti ovunque, nella gastronomia o nella vendita al dettaglio, dove i cartelli sono appesi ovunque.

“C’è una grande carenza”

Preoccupa anche Amanda Hitchcock, che fumava una sigaretta per le strade di Londra. Britt conclude contratti con società di pulizia e sicurezza per un grande edificio commerciale – o almeno ci prova. “Non sono riuscito a trovare addetti alle pulizie o personale di sicurezza con i migliori auguri al mondo. C’è un’enorme carenza”, dice. Secondo Hitchcock, il suo governo non ha attuato adeguatamente l’uscita dall’UE. “Ci hanno davvero messo nei guai”. È stato anche uno di quelli che sono rimasti a casa per il referendum del 2016. “Sono molto imparziale”, dice. L’eccezione rispetto alla regola di Hitchcock.

Se chiedi in giro per il Regno Unito, la maggior parte delle persone ha le idee chiare, anche se a volte è cambiato molto. Sam, che lavora nel campo della cultura a Londra, ammette che “votare per la Brexit è stata una decisione stupida che ho preso. Mi dispiace molto per questo” e non ha voluto rivelare il suo nome completo. Amici e colleghi che ha incontrato negli ultimi anni non sapevano che aveva votato per andarsene nel 2016.

Sam scrive via email di non aver ascoltato “bugiardi” come Boris Johnson o Nigel Farage ed è per questo che non poteva dire di aver mentito. Invece, segue una critica alla politica agraria dell’UE o alla politica di austerità in Grecia, dicendo: “Voglio farne parte, mantenendo tutto ciò che so? Il giovane estremista che è in me, ho pensato di dover dire di no. Sognante. ” Oggi i sogni sono finiti. “Non penso a chi sarà responsabile dell’uscita dall’UE, a quanto saranno disgustosi e pagliacci, ea quanto saranno ignoranti e indifferenti a come funziona davvero l’UE”.

Molti elettori di “abbandono” si rammaricano della loro decisione

In un sondaggio condotto alcune settimane fa dalla società di sondaggi d’opinione Opinum, più di sei britannici su dieci hanno valutato la Brexit come negativa o peggiore del previsto. L’Observer, che ha condotto il sondaggio, ha affermato che il 42% di coloro che hanno votato per lasciare il referendum sulla Brexit aveva un’opinione negativa. “Ora vediamo una minoranza significativa di elettori di congedo che affermano che le cose stanno andando peggio o almeno peggio del previsto”, ha affermato Adam Drummond, un sondaggista d’opinione. Invece dei due duri fronti dei sostenitori e degli oppositori della Brexit, il gruppo degli elettori di “lascia” è ora diviso.

La fase di transizione della Brexit è finita per un buon anno, dopodiché le persone in Gran Bretagna stanno lentamente iniziando a rendersi conto di cosa significhi veramente Brexit: meno personale, meno prodotti europei e catene di approvvigionamento. Anche John Jones di Londra, che vede grandi opportunità nella Brexit attraverso accordi commerciali, deve ammettere che questi non sono ancora fruttuosi. Un promettente accordo commerciale con gli Stati Uniti è ancora lontano e gli accordi conclusi finora fanno poca differenza per l’economia. Jones riporta: “Bloccato dal governo della Brexit”.

“Liberato dal controllo europeo”

Nigel Honbury, che lavora per una compagnia di assicurazioni al London Financial Centre, è già soddisfatto. “Penso che le cose stiano andando molto bene”, dice il 64enne. “Il nostro business va a gonfie vele, ma soprattutto siamo fuori dal controllo dell’Europa”. Era così felice di essere “fuori”. “Ma abbiamo ancora molto lavoro da fare”, ammette. Il governo dovrebbe presto abrogare le regole che provenivano dall’UE. Britt non aveva paura che il settore finanziario londinese di fama mondiale avrebbe lasciato Amsterdam o Francoforte. “Comunque non abbiamo mai fatto affari più redditizi con l’Europa”.

Mentre Londra si sta in qualche modo adattando al destino del Paese, al Nord sono già in corso lavori per il ritorno all’Unione. “La Brexit ha danneggiato l’economia scozzese e le nostre relazioni aperte con l’Europa”, scrive Michael Gray, un attivista pro-indipendenza in Scozia. “Il governo del Regno Unito potrebbe evitare di incolpare il Govt-19 per un po’, ma alla fine resta il fatto che la Brexit ci renderà più poveri e più isolati”.

È considerato impossibile per la Scozia tornare nell’UE perché ci sono ostacoli a un referendum e la Scozia è molto divisa. Ma se Gray e il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon stanno arrivando, il loro paese dovrà votare se separarsi dal Regno Unito il prossimo anno. Prossima fermata: UE.

READ  40 La migliore vassoio vasca da bagno del 2022 - Non acquistare una vassoio vasca da bagno finché non leggi QUESTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.