Elezioni presidenziali in Italia: Berlusconi ritira la candidatura

Stato: 22/01/2022 22:55

L’ex primo ministro italiano Berlusconi non si candiderà alle elezioni presidenziali della prossima settimana. Dopo lunghe deliberazioni, l’85enne ha annunciato di aver deciso di ritirare la sua candidatura.

A due giorni dalle elezioni presidenziali in Italia, l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi si è ritirato dalla corsa per il primo posto. In un incontro online con altri leader di destra, l’85enne ha affermato che quando gli è stato offerto l’incarico si è sentito “responsabile a livello nazionale” e ha chiesto a coloro che lo avevano nominato per le elezioni di rimuovere il suo nome. Elenco dei candidati da rimuovere.

“Servirò il mio paese in modo diverso”, ha dichiarato. Ora il suo partito Forza Italia e la destra Lega e Fratelli d’Italia vogliono trovare e schierare un altro candidato accanto a Sergio Matterella. Le elezioni, che inizieranno lunedì pomeriggio, dovrebbero durare diversi giorni.

I processi sono ancora in sospeso

Berlusconi ha condotto una campagna per settimane, cercando di ottenere abbastanza elettori per sostituire Meterella come capo di stato. Studiosi e osservatori politici percepiscono che Berlusconi, che ancora dieci anni fa si occupa di casi riguardanti i suoi famigerati partiti sessuali “Punga Punga”, non riceverà l’ampio sostegno necessario per vincere le elezioni.

Mentre i leader del partito Lega (Matteo Salvini) e Fratelli d’Italia (Giorgia Meloni) hanno recentemente appoggiato ufficialmente la candidatura di Berlusconi, i partiti di centrosinistra hanno respinto fermamente la possibile elezione dell’85enne. Giuseppe Conte del Movimento Cinque Stelle ha auspicato un “serio scambio” tra i partiti in cerca di un presidente radicale. Il boss della Lega Salvini, intanto, ha chiarito che il centrodestra ora ha “rispetto e responsabilità nel formulare le sue raccomandazioni”.

READ  L'incentivo di Corona a lavorare da casa - ecco perché l'home office maschile - può affrontare meglio la politica interna

Draghi potrebbe candidarsi alle elezioni

Il futuro presidente italiano sarà eletto da lunedì da una giuria di oltre mille parlamentari, senatori e rappresentanti delle regioni. Delle prime tre votazioni, ciascuna dura un giorno e per vincere è necessaria la maggioranza dei due terzi; Al quarto scrutinio è sufficiente la maggioranza assoluta.

Pur essendo una carica rappresentativa, il Presidente della Repubblica italiana svolge un ruolo chiave nelle situazioni di crisi. L’attuale Matterella ha dovuto intervenire più volte per mediare le crisi politiche.

Anche il presidente del Consiglio Mario Draghi ha espresso interesse per la carica. Se viene eletto, il governo di unità nel mezzo dell’epidemia di corona deve trovare un nuovo leader o portare le elezioni parlamentari entro un anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.