Gli ucraini che cercano di fuggire nel Regno Unito devono affrontare un percorso confuso

LONDRA – Charlotte Shevchenko Knight ha sfogliato vecchi album di foto di famiglia e ha vagato per i quartieri innevati della capitale ucraina quando a gennaio è andata a trovare i suoi nonni a Kiev.

Poi tutto il loro mondo è cambiato.

Lunedì, ha parlato con loro tramite chat video dalla sua casa in Inghilterra dopo aver attraversato il confine con la Romania per sfuggire all’assalto militare russo. Ha detto che non li aveva mai visti così stanchi prima. La signora Shevchenko Knight, 25 anni, ha detto che i suoi nonni e la zia stanno ora affrontando un altro ostacolo da incubo. Ma questa volta, è burocratico e logistico mentre cercano di ottenere un visto secondo lo schema della New Britain per rilasciarlo alle famiglie ucraine. residenti britannici.

Dovrebbe essere solo: stai fuggendo dalla guerra. Ha detto della risposta britannica. “Non capisco. È davvero disumano”.

L’offensiva russa ha causato il più rapido spostamento di persone in Europa dalla seconda guerra mondiale. Più di due milioni di ucraini sono fuggiti dal mese scorso, Secondo le Nazioni UniteSi prevede che più persone si uniranno all’esodo. Gran parte dell’Europa ha I rifugiati possono entrare senza vistoMa la Gran Bretagna ha richiesto visti e un processo di richiesta che confonde molti e rallenta il loro arrivo in Gran Bretagna.

Sito web per informazioni e applicazioni Giù o giù di frequente, le persone faticano a trovare percorsi sicuri verso alcuni centri di applicazione in tutta Europa e, anche quando lo fanno, non possono prenotare gli appuntamenti richiesti per settimane. L’unico centro di applicazione in Ucraina si trova nella città occidentale di Lviv, vicino al confine con la Polonia, che è stata inondata da persone che cercavano di fuggire dal paese. Ma ha chiuso bruscamente durante il fine settimana.

Martedì, il governo ha dichiarato di aver finora rilasciato visti a 500 ucraini. Diversi altri paesi europei ne hanno accolti migliaia senza visto, la maggior parte dei rifugiati in fuga verso i vicini dell’Ucraina. La Polonia ha accolto più di 1,2 milioni di persone.

Sia il primo ministro Boris Johnson che il ministro dell’Interno Priti Patel hanno predicato il programma, sostenendo che fino a 200.000 ucraini potrebbero eventualmente venire in Gran Bretagna. Il governo ha dichiarato che sono state avviate 17.700 domande.

READ  Trump condanna l'invasione della Russia. Suggerimenti ancora nella corsa presidenziale 2024

Mentre i legislatori dell’opposizione e il pubblico britannico si sono uniti agli appelli per eliminare del tutto l’obbligo del visto, Johnson ha finora rifiutato l’idea, dicendo lunedì ai giornalisti che la Gran Bretagna era già un “paese molto generoso”, ma che doveva controllare i nuovi arrivati.

Il sistema è stato criticato da associazioni umanitarie, esperti legali, famiglie e altri leader europei che affermano che la risposta britannica è banale di fronte a una crisi così massiccia. Hanno notato l’ammissibilità limitata e il processo di richiesta del visto ambiguo e confuso per le persone che non sono qualificate nelle circostanze per affrontare questo livello di burocrazia.

Mala Savjani, avvocato associato presso Wilson Solicitors, una società londinese specializzata in immigrazione e che fornisce consulenza a molte famiglie ucraine, ha affermato che gli aspetti operativi del programma sono stati viziati da quando è stato annunciato la scorsa settimana.

“È molto contraddittorio con ciò che queste persone stanno effettivamente affrontando”, ha detto. “È stato pensato dal punto di vista del processo di richiesta del visto, le circostanze reali in cui le persone si trovano – letteralmente nel mezzo della guerra e della fuga – non sono state adeguatamente pensate”.

Nell’ambito del programma, i membri della famiglia allargata dei residenti permanenti britannici possono entrare nel paese. Ma devono presentare un modulo online e poi recarsi in un centro visti per la biometria. Una volta presa la decisione sul visto, ottengono i documenti per viaggiare in Gran Bretagna.

“Penso che sia particolarmente difficile quando c’è una reazione diversa in Europa”, ha detto Saviani.

La sig.ra Patel è stata interrogata lunedì in parlamento dai parlamentari laburisti dell’opposizione in quanto hanno criticato la risposta del governo.

La petizione che chiedeva allo stato di rinunciare a tutti i requisiti per il visto aveva circa 150.000 firme dal pubblico martedì.

Associazione praticanti di diritto dell’immigrazionein un messaggio Il governo britannico la scorsa settimana lo ha esortato ad aumentare i requisiti per i visti.

“Le lacune derivanti dalla natura incrementale delle misure e l’inutilità di molti requisiti per le persone che fuggono dalla zona di guerra stanno causando confusione, incertezza, ulteriore angoscia e ostacoli al raggiungimento della sicurezza nel Regno Unito per un gruppo di persone già vulnerabile”, il lettera ha detto.

READ  La Germania registra oltre 27.000 rifugiati dall'Ucraina

Il ministro degli interni francese, Gerald Darmanin, ha criticato quella che ha definito una “mancanza di umanità” nella risposta britannica – Una delle tante critiche al vetriolo circolate dai governi francese e britannico Negli ultimi anni sulla questione degli immigrati che attraversano la Manica.

Darmanin, in una lettera alla signora Patel, ha affermato che la risposta britannica finora è stata “completamente inadeguata” e ha osservato che le autorità britanniche hanno chiesto alle famiglie ucraine nel porto francese di Calais di recarsi a Parigi o Bruxelles per richiedere un visto .

“Gli inglesi devono mettere in pratica le loro parole – ho sentito i generosi discorsi del signor Johnson -“, ha detto Darmanin a radio Europe 1.

La signora Patel ha detto lunedì che il governo stava allestendo un centro per la richiesta di visto vicino a Calais, che è stato a lungo un punto di sosta per le persone che cercavano di attraversare la Manica. Ma martedì il governo ha detto che il centro sarebbe stato nella città francese di Lille, a circa 70 miglia da Calais.

Il Ministero dell’Interno ha affermato di aver aumentato il numero del personale presso i suoi centri di applicazione nell’Unione europea, aggiungendo che sta lavorando per elaborare le domande il più rapidamente possibile.

Ma per molte famiglie, non è abbastanza veloce.

Marie Fesenko, 24 anni, è cresciuta a Kiev con i nonni, ma si è trasferita in Inghilterra con la madre durante il liceo.

“Ogni giorno, vedo filmati strazianti di edifici familiari e strade che portano i miei ricordi d’infanzia più felici che vengono distrutti”, ha detto, spiegando come scansiona i video per vedere se la casa della sua famiglia è stata bombardata.

READ  I leader mondiali rispondono all'attacco della Russia all'Ucraina e criticano Putin

I suoi nonni sono fuggiti da Kiev e si sono recati nella relativa sicurezza dell’Ucraina occidentale per raggiungere il centro per la richiesta del visto a Leopoli, ma presto si sono resi conto che era chiuso e non erano riusciti a trovare un posto dove stare. Da lì sono riusciti ad arrivare in Polonia e hanno incontrato la madre della signora Fesenko, che era venuta dall’Inghilterra.

La signora Fesenko ha detto che l’unico appuntamento che poteva prenotare per loro presso il centro di richiesta visti a Varsavia era di un mese.

Steve Valdez Symonds, direttore del programma per i diritti dei rifugiati e dei migranti di Amnesty UK, ha affermato che questo approccio è indicativo dell’atteggiamento generale del governo nei confronti dei rifugiati e dei richiedenti asilo.

“Abbiamo avuto, per molto tempo in questo paese, governi successivi che non hanno davvero accolto i rifugiati”, ha detto.

“E non è chiaro, davvero, se quello che dicono i ministri quando i media e i riflettori pubblici sono puntati su di loro e si sentono sotto pressione è davvero ciò a cui si attengono”.

Ha aggiunto che, nonostante i generosi messaggi di benvenuto, le politiche recenti suggeriscono il contrario, citando come esempio che migliaia di rifugiati afgani stanno ancora languindo negli hotel mesi dopo la loro evacuazione.

Questo fine settimana, i genitori e i nonni di Christina Daines, che vivono a Leopoli e stanno richiedendo un visto per raggiungere la signora Daines e suo marito in Inghilterra, hanno cercato di recarsi al centro di richiesta visti della città solo per trovarlo chiuso.

“È solo un incubo, francamente, e non riesci a svegliarti”, ha detto la signora Daines, 31 anni.

Suo marito, Thomas Daines, 32 anni, ha detto che la maggior parte delle persone con cui parla non sembra capire che sono i cittadini britannici, come lui e sua moglie, a dover sopportare il dolore di essere separati dalla famiglia.

“Penso che queste siano state probabilmente le settimane peggiori della nostra vita”, ha detto il signor Daines. “Se siamo in un paese vicino, possiamo semplicemente salire in macchina e riportarli indietro”.

Aurelien Briden Contribuito alla cronaca da Parigi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.