Guerra all’Ucraina: Nuove sanzioni Ue alla Russia

Stato: 15/03/2022 19:38

L’Unione Europea ha approvato nuove sanzioni contro la Russia. Tra l’altro, hanno lo scopo di esercitare una maggiore pressione sul sistema finanziario del Paese. La Gran Bretagna sta rafforzando la presa sui confidenti del presidente Putin.

A causa della guerra in Ucraina, l’Unione Europea sta ampliando le sue sanzioni contro la Russia. In serata è entrata in vigore la nuova quarta serie di restrizioni. Questi includono il divieto di esportazione di beni di lusso in Russia, restrizioni all’importazione di determinati beni dall’industria siderurgica russa e un divieto totale di nuovi investimenti nel settore energetico russo.

Limitare l’accesso al mercato finanziario dell’UE

Inoltre, il governo russo e le società russe non sono più valutate dalle agenzie di rating dell’UE. La mossa mira a limitare ulteriormente l’accesso della Russia al mercato finanziario dell’UE. I rapporti affermano che tutti i servizi di classificazione sono stati interessati dal divieto. L’UE ha giustificato la sua decisione, affermando che “queste sanzioni non faranno che aumentare la pressione sul Cremlino”. Allo stesso tempo, limiterà la capacità del governo russo di finanziare la sua invasione dell’Ucraina. La mossa è stata concordata con i partner internazionali, in particolare gli Stati Uniti.

Inoltre, la Russia dovrebbe essere abolita, tra l’altro, a vantaggio della politica commerciale, infatti è membro dell’Organizzazione mondiale del commercio WTO. In particolare, mira a ritirare dalla Russia il cosiddetto Paese più favorevole. Ciò impedisce al governo russo e alle sue élite di utilizzare criptovalute per evitare sanzioni.

Sanzioni contro Abramovich

D’ora in poi, anche Roman Abramovich, multimiliardario russo ed ex proprietario della squadra di calcio britannica FC Chelsea, è annoverato tra queste élite. Durante questi round di sanzioni, sarà aggiunto all’elenco delle persone soggette a sanzioni dell’UE a causa della guerra in Ucraina.

READ  40 La migliore microonde ikea del 2022 - Non acquistare una microonde ikea finché non leggi QUESTO!

A dire il vero, i beni di Abramovich nell’UE dovrebbero essere congelati e non dovrebbe più essere autorizzato a entrare nell’UE. La fortuna di Abramovich è stata recentemente valutata 7,2 miliardi di dollari (circa 0,5 6,5 miliardi) dal quotidiano statunitense Forbes. Le agenzie di stampa Dpa e AFP hanno citato gli ambasciatori che hanno affermato che non sarebbe più stato autorizzato a entrare nell’UE.

Inoltre, i paesi dell’UE stanno aggiungendo l’oligarchia russa alla cerchia ristretta del presidente russo Vladimir Putin all’elenco delle sanzioni.

Barriere anche dalla Gran Bretagna

La Gran Bretagna ha precedentemente imposto sanzioni ad Abramovich e ad altri miliardari presumibilmente appartenenti alla cerchia ristretta del presidente russo Vladimir Putin. Abramovich è un caso speciale, perché oltre alla cittadinanza russa e israeliana, possiede anche la cittadinanza portoghese e un passaporto dell’UE. Tuttavia, le circostanze in cui ha ottenuto la cittadinanza sono attualmente oggetto di indagine in Portogallo.

Londra: Nuove sanzioni contro i confidenti di Putin

Il governo britannico ha imposto nuove sanzioni ai confidenti di Putin e alle compagnie russe. Secondo il governo di Londra, fino a 350 persone e società, tra cui il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu e l’ex primo ministro russo Dmitry Medvedev, sono state bandite. Un portavoce del primo ministro Boris Johnson ha affermato che un totale di 775 persone sono state scagionate in relazione all’invasione russa dell’Ucraina.

La mossa è stata accolta favorevolmente dal presidente ucraino Volodymyr Zhelensky. Tuttavia ha sottolineato che questi non erano sufficienti. Ha chiesto un “embargo commerciale completo” contro Mosca. Johnson ha promesso di estendere le sanzioni della Russia dal sistema di comunicazioni di Swift Bank.

READ  Il passeggero scomparso è stato trovato nell'incendio della barca

Spese di esportazione e penali per beni di lusso

Inoltre, la Gran Bretagna ha vietato l’esportazione di beni di lusso in Russia. Secondo il governo di Londra, ciò dovrebbe influire sulla moda di alta qualità, sulle opere d’arte e sui veicoli di lusso. L’elenco corretto verrà creato e quindi pubblicato. Allo stesso tempo, le importazioni russe di 900 900 milioni di vodka, metalli e fertilizzanti sono soggette a sanzioni. “Le nostre nuove tariffe isoleranno ulteriormente l’economia russa dal commercio mondiale e assicureranno che non benefici di un sistema internazionale basato su regole che non rispetta”, ha affermato il ministro delle finanze Rishi Sunak.

Il governo ha annunciato che ritirerà tutti i finanziamenti per le esportazioni alla Russia e al suo alleato Bielorussia. Secondo il ministero delle Finanze, le sanzioni sono state scelte per ridurre al minimo le conseguenze per la Gran Bretagna, mentre per l’economia russa tanto maggiori. I materiali includono, ad esempio, ferro, acciaio e legno, ma anche navi e alcuni tipi di pesci.

Gravi ostacoli dall’inizio dell’invasione

L’Unione Europea (UE) ha imposto severe sanzioni al presidente russo Vladimir Putin, alle istituzioni finanziarie russe e all’oligarchia imprenditoriale del paese dall’inizio dell’invasione russa a febbraio. Proprio la scorsa settimana ha annunciato ulteriori misure contro 160 persone e nuove restrizioni all’esportazione di tecnologia radio e navigazione via mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.