I leader mondiali rispondono all’attacco della Russia all’Ucraina e criticano Putin

Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che Parigi “condanna fermamente la decisione della Russia di lanciare la guerra all’Ucraina” e ha chiesto a Mosca di “porre immediatamente fine alle sue operazioni militari”. Macron si era lanciato come Le asce di Putin Nelle ultime settimane ha rivendicato un ruolo centrale nei negoziati tra Ucraina e Russia con l’obiettivo di evitare un simile conflitto.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha definito l’attacco “immotivato e ingiustificato”, affermando che il suo Paese stava lavorando con i suoi alleati europei e della NATO per rispondere “immediatamente, con unità e determinazione”.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha dichiarato in una dichiarazione rilasciata mercoledì a tarda notte che il suo Paese “condanna nei termini più forti possibili l’atroce attacco russo all’Ucraina”. “Queste azioni ingiustificate costituiscono una chiara violazione della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina. Violano anche gli obblighi della Russia ai sensi del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite”, ha aggiunto.

Il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato quello che ha chiamato a “operazione militare speciale” Nelle prime ore di giovedì mattina in Europa, proprio mentre i membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si stavano incontrando per una sessione di emergenza avviata dall’Ucraina.

Bob Ray, ambasciatore del Canada presso le Nazioni Unite, ha scritto su Twitter che si è trattato di un atto “ingiustificatamente aggressivo e vizioso” da parte di un membro permanente del Consiglio di sicurezza.

Anche la Cina, che ha sostenuto le critiche di Putin alla Nato ma non ha esplicitamente sostenuto le azioni del Cremlino contro l’Ucraina, ha chiesto moderazione.

READ  I sintomi di China Daily Domestic COVID più che triplicati

L’ambasciatore cinese alle Nazioni Unite, Zhang Jun, ha esortato tutte le parti a “esercitare moderazione ed evitare un’ulteriore escalation delle tensioni”. Parlando al Consiglio di sicurezza dopo che Putin ha annunciato che le forze russe sarebbero entrate in Ucraina, Zhang ha detto: “Riteniamo che la porta per una soluzione pacifica alla questione ucraina non sia completamente chiusa, né dovrebbe esserlo”.

La Corea del Sud, che non si è ancora unita ai paesi vicini come il Giappone nel punire la Russia per la sua recente aggressione contro l’Ucraina, ha detto giovedì che potrebbe seguire l’esempio.

Un funzionario del Dipartimento di Stato, che ha parlato in condizione di anonimato, ha detto, citando le regole del dipartimento.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha denunciato quello che ha definito “l’attacco sconsiderato e ingiustificato della Russia all’Ucraina, che mette a rischio la vita di innumerevoli civili”.

“Ancora una volta, nonostante i nostri ripetuti avvertimenti e gli instancabili sforzi per impegnarsi nella diplomazia, la Russia ha scelto la via dell’aggressione contro uno Stato indipendente e sovrano”, ha affermato in una dichiarazione rilasciata all’inizio di giovedì, aggiungendo che i membri della NATO “si incontreranno per affrontare il problema conseguenze”. Le azioni aggressive della Russia.

Dmytro Kuleba, Ministro degli Affari Esteri dell’Ucraina. ha scritto su twitter Che “il mondo può e deve fermare Putin. È tempo di agire”.

Amanda Coletta a Toronto, Lily Koo a Taipei, Min Joo Kim a Seoul e Jennifer Hassan a Londra hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.