“I negozi sono spariti”: come Reliance ha sbalordito Amazon nella futura battaglia al dettaglio dell’India

  • Reliance ha iniziato l’acquisizione invisibile dei negozi Future il 25 febbraio
  • Gran parte del management futuro era all’oscuro delle fonti di acquisizione
  • Affidati al rebranding dei negozi e mantieni i futuri dipendenti sull’approvvigionamento
  • Dopo aver rilevato i negozi, Amazon e Future iniziano le conversazioni

MUMBAI, 6 mar. (Reuters) – Nel grande futuro del mercato retail (FRTL.NS) In un supermercato di Mumbai la scorsa settimana, i lavoratori stavano scaricando centinaia di scatole di generi alimentari di un blu brillante appartenenti al più grande rivenditore indiano Reliance.

I potenziali clienti sono stati respinti dalla sicurezza, frustrati dallo stato di chiusura del negozio che porta ancora gli stendardi del futuro più grande marchio, Big Bazaar, ma è probabile che presto verrà rinominato come punto vendita Reliance.

In tutta l’India, scene simili vengono riprodotte come Reliance Industries (RELI.NS)Il più grande conglomerato indiano gestito da Mukesh Ambani, l’uomo più ricco del paese, sta procedendo con un’acquisizione de facto a sorpresa di pregiati immobili al dettaglio che Amazon.com ha voluto acquisire.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’aspra disputa di alto profilo tra i giganti aziendali, in cui Amazon ha cercato di bloccare l’acquisto da parte di Reliance per 3,4 miliardi di dollari delle attività al dettaglio di Future Group, è attualmente all’esame della Corte Suprema indiana.

L’acquisizione di Reliance è iniziata in piena copertura la notte del 25 febbraio quando i suoi dipendenti hanno iniziato ad arrivare nei futuri negozi. Molti nel dipartimento del futuro erano a conoscenza dei piani poiché i dipendenti dei negozi da tutto il paese hanno iniziato a chiamare freneticamente, secondo persone con conoscenza diretta della questione.

READ  Musk afferma che Tesla e SpaceX vedono significativi rischi di inflazione

Descrivendo cosa è successo intorno alle 20 di quel giorno, un dipendente del negozio Big Bazaar di Nuova Delhi ha detto: “La situazione era tesa, tutti erano in preda al panico. Non sapevamo chi fossero. Volevano arrivare e gli anziani non ne erano a conoscenza it”, descrivendo cosa accadde intorno alle 20 di quel giorno.

Una delle fonti ha affermato che al negozio Future nella città di Sonipat, nello stato settentrionale di Haryana, sono state fatte pubblicità che chiedevano ai clienti di andarsene con Reliance al controllo. Un’altra fonte a Vadodara, nel Gujarat occidentale, ha affermato che ai futuri dipendenti arrivati ​​per lavoro la mattina successiva è stato chiesto di tornare a casa senza spiegazioni.

Citando i pagamenti non pagati di Future, Reliance ha preso il controllo delle operazioni di circa 200 negozi Big Bazaar e ha in programma di rilevare oltre 250 punti vendita di Future. Insieme, rappresentano i gioielli della corona della rete di vendita al dettaglio del futuro e circa un terzo di tutti i punti vendita Futures. Per saperne di più

Sebbene Reliance non abbia svolto un ruolo pubblico importante nella controversia legale, per diversi mesi ha assunto diversi contratti di locazione detenuti da Future, il rivenditore n. 2 dell’India e partner commerciale separato di Amazon a corto di liquidità.

L’acquisizione improvvisa dei negozi da parte di Reliance sembra aver mandato in frantumi quello che alcuni analisti descrivono come un colpo d’onore che rovina le possibilità di Amazon di districare il trasferimento delle risorse Future a Reliance. Questo nonostante una serie di battaglie legali che il colosso statunitense dell’e-commerce ha vinto finora per bloccare l’annunciato accordo del 2020 tra le due società indiane.

READ  Chick-fil-A in California potrebbe essere dichiarato un "fastidio pubblico", il consiglio comunale prevede di votare

Cosa combatterà Amazon ora? Una fonte vicina alla società statunitense è a conoscenza della controversia legale. I negozi sono scomparsi.

I rappresentanti di Reliance, Amazon e Future non hanno risposto alle richieste di Reuters per questo articolo. Le fonti hanno chiesto l’anonimato per la delicatezza della controversia.

Dopo l’acquisizione, le conversazioni

Future Retail ha dichiarato il 26 febbraio che stava “riducendo le operazioni” per ridurre le perdite, sebbene non abbia menzionato Reliance nella sua dichiarazione. Il Future Group nel suo insieme ha più di 4 miliardi di dollari di debiti.

Fonti hanno affermato che Reliance prevede di mantenere i dipendenti Future nei negozi che gestisce.

Amazon, che ha una partecipazione in un’unità separata di Future Group, che, a suo dire, impedisce a Future di vendere beni al dettaglio senza il suo permesso, ha descritto i supermercati e altri negozi come una rete “insostituibile” in un settore con un fatturato annuo di 900 miliardi di dollari.

Le controversie legali nel tempo divennero sempre più rischiose e furono caratterizzate da una brutta retorica. A un certo punto, Amazon ha cercato di far imprigionare il futuro CEO Kishore Biyani per aver violato un ordine legale. Future una volta paragonò le Amazzoni ad Alessandro Magno e alla sua “ambizione spietata di bruciare la terra”.

Ma giovedì, sei giorni dopo la mossa di Reliance, Amazon in un’udienza della Corte Suprema ha chiesto inaspettatamente colloqui amichevoli per porre fine alla controversia, una proposta su cui il futuro ha accettato.

“La gente ha preso il controllo dei negozi… almeno parliamo,” ha detto Gopal Subramanium, un avvocato di Amazon.

Le discussioni dovrebbero iniziare presto. Per saperne di più

READ  Visa e MasterCard bloccano le istituzioni finanziarie russe dopo le sanzioni

Qualunque sia l’esito dei colloqui, gli analisti affermano che Amazon ha seriamente sottovalutato Reliance.

“Se qualcuno voleva vederlo arrivare, doveva essere Amazon e avrebbero dovuto prepararsi contro di esso”, ha affermato Devangshu Dutta della società di consulenza al dettaglio Third Eyesight.

“Ovviamente no.”

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Aditya Kalra a Nuova Delhi e Abhirop Roy a Mumbai; Ulteriori segnalazioni di Frances Mascarenhas a Mumbai e Amit Dev ad Ahmedabad; Montaggio di Edwina Gibbs

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.