Il Dow Jones è sceso bruscamente dopo che il prezzo del petrolio ha raggiunto i 130 dollari al barile

Il Dow Jones Industrial Average è in calo di oltre 500 punti, mettendo l’indicatore blue-chip sulla buona strada per entrare in una correzione, poiché l’aumento dei prezzi del petrolio ha aggravato le preoccupazioni sulla crescita economica.

Il Dow Jones Industrial Average è recentemente sceso dell’1,7%, o circa 573 punti, dopo quattro settimane consecutive di perdite. A quel livello chiuderebbero in correzione, in calo di almeno il 10% dal massimo di gennaio.

L’S&P 500 è in calo del 2%, portando la sua caduta nel 2022 all’11%. Il pesante Nasdaq Composite ha perso il 2,1% ed è in calo di quasi il 17% dall’inizio dell’anno.

Le perdite di lunedì sono state ampie, con nove degli 11 settori dell’S&P 500 in forte calo negli ultimi scambi. Il settore dei servizi di pubblica utilità è avanzato mentre il gruppo energetico – l’unico in territorio positivo finora quest’anno – si è attestato attorno alla linea piatta.

guerra in Ucraina, Ora al suo dodicesimo giornoha portato alla perturbazione dei mercati delle materie prime e all’aumento delle tensioni tra Mosca e l’Occidente e ha portato a questo La Russia viene separata della maggior parte del sistema finanziario mondiale. Gli investitori sono sempre più preoccupati che le conseguenze per i mercati finanziari possano estendersi oltre il previsto.

“Il mercato è su un terreno sempre più instabile”, ha affermato Hans Olsen, chief investment officer di Fiduciary Trust. “Quando si combinano gli shock di prezzo che stiamo vedendo nel complesso energetico da un lato e l’accelerazione dell’inflazione con cui abbiamo a che fare dall’altro, è davvero una combinazione difficile per il mercato azionario fare valutazioni dove siamo proprio al momento .”

READ  Equifax, Experian e TransUnion per rimuovere la maggior parte del debito medico dai rapporti di credito al consumo

L’attenzione si è concentrata sui mercati energetici, con i prezzi del petrolio in rialzo dopo che il segretario di Stato Anthony Blinken ha dichiarato domenica che i partner statunitensi ed europei Stanno discutendo di un divieto di importazione di petrolio russo. greggio Brent standard mondiale Ha superato i 130 dollariÈ il livello più alto da luglio 2008, prima di ritirarsi dai suoi livelli più alti. Il greggio Brent è salito di recente del 5,1 per cento a 124,12 dollari al barile. Il prezzo equivalente US West Texas Intermediate è aumentato del 3,5% a $ 119,65.

Gli investitori in azioni sono preoccupati che il rally I prezzi del petrolio alimenteranno l’inflazione E che la guerra in Ucraina e le conseguenti sanzioni alla Russia potrebbero danneggiare le aziende con sede negli Stati Uniti

“L’aumento del petrolio sta destabilizzando il mercato”, ha affermato Jay Hatfield, CEO e portfolio manager di Infrastructure Capital Advisors. “Il mercato è preoccupato per la guerra e il suo impatto sulla crescita degli Stati Uniti e delle aziende americane”.

Michael Hewson, analista di mercato senior,

CMC Mercati.

“È difficile vedere molto in termini di un significativo rally dei mercati azionari ora sullo sfondo dell’escalation in corso” in Ucraina, ha affermato.

Lo Stoxx Europe 600 pancontinentale è sceso dell’1,1% lunedì. ondata di petrolio e I prezzi del gas sollevano preoccupazioni L’Europa, importatore di energia dipendente dalla Russia, potrebbe cadere in recessione.

tra i singoli titoli,

Petrolio occidentale

È sceso del 4% dopo l’investitore attivista Carl Icahn

fuori dall’ufficio Dopo anni di campagna.

letto bagno dietro

È aumentato del 32% dopo che l’investitore miliardario Ryan Cohen ha rivelato a 9,8% di quota presso il rivenditore.

READ  La Russia ha affermato che vietare Swift potrebbe equivalere a una dichiarazione di guerra

I titoli con le migliori performance nell’S&P 500 sono state le società energetiche che beneficeranno dell’aumento dei prezzi del petrolio. condivisioni

Schlumberger Nevada

è balzato del 7,5% mentre

Halliburton

Le azioni sono aumentate del 5,3% e

panettiere Hughes

Le azioni sono aumentate del 4%.

L’aumento dei prezzi delle materie prime e la conseguente accelerazione dell’inflazione complicano le successive mosse delle principali banche centrali, che stavano per iniziare ad inasprire la politica monetaria prima dell’inizio della guerra.

Il La Banca Centrale Europea si riunisce Questa settimana, gli investitori terranno d’occhio i cambiamenti nelle aspettative di crescita e cosa questo potrebbe significare per la politica. Negli Stati Uniti, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell

Ha detto la scorsa settimana che l’avrebbe fatto Una proposta per aumentare i tassi di interesse di un quarto di punto percentuale alla riunione della Banca centrale a fine mese.

Questa combinazione tossica è un grave problema per le banche centrali. Inaspriscono la politica monetaria e rischiano di spingere il mondo in recessione più rapidamente o consentono all’inflazione di salire più in alto, il che farà lo stesso? Hewson ha affermato, aggiungendo che le preoccupazioni sull’inflazione stanno pesando sul mercato obbligazionario.

Conflitti come l’invasione russa dell’Ucraina hanno storicamente abbassato i prezzi delle azioni e aumentato il valore di alcune materie prime. Deon Raboin del Wall Street Journal spiega la psicologia degli investitori che muove i mercati. Foto: Justin Lane/EPA-EFE/Shutterstock

Il rendimento del benchmark del Tesoro statunitense a 10 anni è salito a 1,736% lunedì dall’1,722% di venerdì, invertendo la tendenza dopo aver registrato il calo più grande di una settimana da marzo 2020 la scorsa settimana. I rendimenti aumentano quando i prezzi scendono. Le obbligazioni di solito funzionano bene In periodi di stress del mercato o di lenta crescita economica, i loro flussi di cassa costanti perdono valore nei periodi di rapido aumento dei prezzi.

Altri beni rifugio sono aumentati. L’oro è salito dello 0,9% a $ 1.984,60 l’oncia. aumentare il dollaro, con l’indice WSJ Dollar in rialzo dello 0,6%. Il dollaro USA è visto come un bene rifugio a causa del suo status di valuta di riserva mondiale.

Il rublo russo ha oscillato e recentemente è stato scambiato a un minimo storico di oltre 150 rubli per 1 dollaro. è un Borsa chiusa E rimarrà così almeno fino a martedì, secondo la Banca centrale russa. Non è stato scambiato normalmente dal 25 febbraio.

La guerra in Ucraina ha sollevato interrogativi sulle prospettive globali di crescita economica e inflazione.


Foto:

Courtney Crowe/Associated Press

ha affermato Kelvin Tay, Chief Regional Investment Officer con sede a Singapore

UBS.

Ha affermato che i prezzi molto elevati del petrolio sarebbero “una tassa sull’economia globale, e quindi la crescita globale dovrà rallentare”.

Gli indici azionari nella regione Asia-Pacifico sono scesi drasticamente, con il Kospi Composite della Corea del Sud in calo di oltre il 2% e il Nikkei 225 del Giappone in calo del 2,9%, chiudendo al livello più basso da novembre 2020. è sceso di oltre il 3%.

Scrivi a Karen Langley a [email protected], Clarence Leong a [email protected] e Anna Hertenstein a [email protected]

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.