“Il grande risveglio dell’Europa”: la guerra costringe la Germania a un nuovo ruolo

Fin dal suo inizio, la repubblica federale è stata il più arretrata possibile in materia militare. Ora il governo vuole pagare 100 miliardi di dollari in carrozza. Il precedente motivo per lo stato non si applica più. Cosa significa?

Donald Trump è stato presidente degli Stati Uniti solo per pochi mesi, mettendo in discussione la NATO, le Nazioni Unite, l’Organizzazione mondiale del commercio e l’intera struttura internazionale. Angela Merkel era in piedi in una tenda della birra a Monaco quando è arrivata da una riunione del G7. “È passato molto tempo dall’ultima volta che ci siamo fidati completamente degli altri.” Cosa significa questo? “Per il nostro futuro, come europei, dobbiamo lottare per il nostro destino”. È stato cinque anni fa.

Gli sviluppi attuali stanno innescando tali cambiamenti più che mai. La guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina sta costringendo la Germania e l’Europa a intraprendere un’azione decisiva. In risultati a breve termine: come dovrebbe essere protetta l’Europa? Quanto vale per la Germania e altri paesi mantenere lo status quo? Chi contribuirà quanto? Queste sono tutte questioni che devono essere discusse nei prossimi giorni, settimane e mesi.

Il presidente federale Olaf Scholes ha dato una prima risposta, che non è altro che una rottura con le precedenti politiche della Repubblica federale. Vuole spendere 100 miliardi di euro nei prossimi quattro anni per ristrutturare la Bundeswehr e più del due per cento del PIL per la sicurezza futura. Finora, la Germania si è affidata principalmente agli Stati Uniti. Quando la Merkel ha annunciato la sua condanna, il budget della difesa tedesca era dell’1,2%. Trump si è ripetutamente lamentato di questo; Quindi la NATO è “obsoleta”. Due anni e mezzo fa, il presidente francese Emmanuel Macron ha persino rilevato una “morte cerebrale” per la coalizione. Questa volta suona come una resurrezione.

69ea2edc15a911721eda5fde96e0dc73.jpg

Il presidente Olaf Scholes ha visitato il comando delle operazioni di Bandwire in Slovacchia, nel Brandeburgo.

(Foto: dpa)

La nuova energia vitale alimenta l’unità dimostrativa degli alleati NATO, fino alla formazione in direzione di Mosca. Parlando in una sessione speciale del Bundestag domenica scorsa, Scholz ha detto: “Il presidente Putin, insieme ai nostri alleati (…) non dovrebbe sottovalutare il nostro impegno a proteggere ogni metro quadrato del territorio alleato”. del discorso dell’Unione due giorni dopo.

READ  40 La migliore aspirapolvere in commercio del 2022 - Non acquistare una aspirapolvere in commercio finché non leggi QUESTO!

Tuttavia: con un senso di sicurezza in Europa, gli Stati Uniti sosterranno militarmente i suoi partner europei, indipendentemente dalla politica dei partiti, se possibile, è finalmente giunto al termine dal presidente Trump. . “Il gigante dormiente d’Europa risorge” ha fatto notizia sulla rivista americana “The Atlantic” dopo l’annuncio di Scholes di 100 miliardi di euro alla Bundeswehr. Il budget della difesa ha continuato a diminuire anche dopo una riunificazione dell’1,4% nel 2020. Ora dovrebbe essere più del due per cento. Il Cancelliere ha parlato più volte della svolta.

Il parere della Merkel del maggio 2017 mostra che questa svolta è già stata annunciata negli ultimi anni. La guerra l’ha costretta a passare. Non va nascosto che ciò che si dice ora è che “possiamo lottare per il nostro futuro”. Immagina come sarebbe se Trump fosse ancora alla Casa Bianca. Lui, come presidente degli Stati Uniti, descrive l’invasione russa dell’Ucraina come “brillante”, “intelligente” e “molto spettacolare”. Valuterò. Come ha sottolineato nel 2018, se Putin avesse fatto più affidamento sui suoi stessi servizi di intelligence. Gli Stati Uniti non sarebbero stati così aggressivi nel condividere pubblicamente le proprie informazioni per mettere in guardia la coalizione e provare la disinformazione proveniente da Mosca.

Armi nucleari e politica energetica

Una grave minaccia militare nell’Europa orientale sta provocando spostamenti all’interno della struttura di difesa europea e della NATO. In primo luogo, c’è la questione del ruolo degli Stati Uniti negli eventi gravi. Indipendentemente dall’attuale presidente, gli Stati Uniti saranno davvero pronti a usare armi nucleari contro il loro alleato della NATO? O c’è il rischio che l’erede di Pitton voglia tenere fuori il suo paese? Sebbene la Francia abbia un embargo sulle armi nucleari, rifiuta qualsiasi intervento nelle decisioni di schieramento della NATO o dell’UE.

READ  Problema per i vacanzieri! 8000 eventi allo Sky Resort - 1000 olandesi colpiti e tornati

Allo stesso tempo, l’area da proteggere potrebbe continuare a crescere. Finlandia e Svezia stanno valutando l’adesione alla Nato a dispetto delle minacce russe di “conseguenze militari”. Georgia e Moldova hanno presentato domanda di adesione all’UE. Anche l’Ucraina si aspetta di più dal suo futuro in Occidente che mai. Dovrebbe essere accusato di non collegare adeguatamente la questione della sicurezza al cambiamento energetico e al cambiamento climatico – e la Germania in primo luogo. Gli stati che sono indipendenti dai combustibili fossili provenienti dall’estero possono operare geopoliticamente. Quindi i valori e gli interessi economici proclamati in politica estera faranno spallucce anziché scontrarsi.

In secondo luogo, sarà una questione di quale ruolo la Germania vuole e può svolgere in futuro. In quanto paese esportatore, si sta muovendo verso la cooperazione internazionale. In breve, nonostante la spedizione di macchinari in Cina, in rapida espansione negli ultimi decenni, l’economia ha fatto affidamento sul potere della Russia e sulle garanzie di sicurezza degli Stati Uniti. In quanto paese con un’economia forte, sarebbe logico che la Bundeswehr si assumesse maggiori responsabilità, ovvero fornire squadre più grandi di altre. Ci deve essere una volontà politica permanente per questo, e anche quella viene dall’elettorato. La maggiore responsabilità militare della Bundeswehr porta maggiori potenziali conflitti di interesse con altri paesi e con la propria economia.

Inversione a U l’ultima volta

def9f50049b718cbc485683f28eefc68.jpg

Navi da carico a Bremerhaven

(Foto: dpa)

Per molto tempo la Germania ha posto gli interessi economici al di sopra di altri interessi. La Cina, ad esempio, è uno dei mercati di esportazione più importanti per l’economia tedesca, guadagnando l’anno scorso 103,6 miliardi di euro. Dalla Russia alla Germania sono andati 26,65 miliardi di euro. Per molto tempo Berlino ha fatto finta – o finto – che il cambiamento politico stesse avvenendo attraverso il commercio. La Merkel non è mai stata dura con la Russia. Non voleva vedere il North Stream 2, un gasdotto diretto per l’approvvigionamento di gas russo attraverso il Mar Baltico. Nonostante gli avvertimenti di Washington.

Questo non è diverso per il suo erede. L’ex cancelliera del Partito dei Verdi, Anna Lena Beerbach, ha spiegato alla rivale durante la campagna elettorale come l’oleodotto diretto di Putin – Kiev raccoglie gas per la Germania – potrebbe strappare all’Ucraina importanti entrate statali. A metà dicembre, mentre la Russia stava già concentrando le sue forze sui confini e Barbach era il suo ministro degli Esteri, Scholes non voleva sapere nulla della chiusura del Nort Stream 2: l’oleodotto era un piano industriale apolitico. Non ha nulla a che fare con potenziali ostacoli. Anche questo è cambiato. Il tubo è inutilizzato a causa di ostruzioni. Il processo di approvazione è stato interrotto e la società operativa ha licenziato tutti i dipendenti e dichiarato fallimento.

READ  40 La migliore bambolina pulisci microonde del 2022 - Non acquistare una bambolina pulisci microonde finché non leggi QUESTO!

Prima della riunificazione, la Bundeswehr era un esercito puramente difensivo. Negli ultimi 30 anni si è liberato e ha svolto molti lavori all’estero. Durante la guerra in Afghanistan, ha guidato temporaneamente le forze della NATO. Costa denaro per attrezzature, addestramento, armi, strutture e così via. I viaggi all’estero significano che la Germania si schiera sia militarmente che politicamente. Nella guerra attuale, lo sta facendo indirettamente. Il governo tedesco inizialmente esitò, donando un paio di elmetti alle forze armate ucraine. Ora ha dato loro dei bastoni e dei razzi contro i russi.

Lo scoppio originario della guerra in Ucraina nel 2014 ha esercitato pressioni sulla NATO. L’alleanza ha istituito una forza di reazione rapida di 5.000 soldati, che potrebbe raggiungere l’area operativa per via aerea in un massimo di cinque giorni. Squadre da combattimento con una forza di 1.000 soldati si trovano negli stati baltici e in Polonia.

Oltre alla NATO, l’anno scorso l’Unione Europea ha presentato i propri piani per una forza di intervento europea di 5.000 soldati. Quindi l’addestramento militare inizierà nel 2023. Finora, l’UE dispone di piccole squadre di risposta alle emergenze di 1.500 uomini, disponibili a rotazione dagli Stati membri. Non sono mai stati usati. Dopotutto è ora di un esercito europeo? Che ruolo giocano i bendaggi in questo?

L’invasione russa dell’Ucraina mise in moto il Risen d’Tot tedesco. La domanda ora è come sarà in futuro. E su quanta responsabilità è disposto ad accettare il presunto adulto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.