Il lavoro diplomatico di Baerbock: la pura paura di una nuova guerra balcanica – Politica

Dopotutto, l’Europa ora ha bisogno di una nuova guerra nei Balcani. Ma questo è proprio l’avvertimento. Dall’ottobre 2021, la Bosnia ha un chiaro desiderio di separarsi dalla Bosnia ed Erzegovina nella Repubblica Serba. Si ispira a Milorad Dodik, il leader politico dei serbi bosniaci.

Trova il sostegno di suo fratello russo, il presidente Putin, e di alcuni settori dell’élite politica nella vicina Serbia. Il tamburo separatista sta suonando e si è già parlato di pura paura della guerra, che si dice sia seduta in valigie piene di musulmani.

Finora, tuttavia, non c’è stata alcuna reazione da Bruxelles o Berlino, e l’Occidente ha ignorato i Balcani. Più tempo per la resistenza diplomatica, più tempo per recarsi in un posto più alto come il ministro degli Esteri Annalena Barbach. Quando l’Ucraina è stata discussa a Versailles, la borsa dei nomi ha attivamente condotto una campagna per “pace, libertà, democrazia e prosperità” a Sarajevo, Kosovo e Belgrado. Coloro che condividono questi valori ora possono “anatra”.

Ognuna di queste destinazioni di viaggio è associata a tensioni politiche. Ovunque, tuttavia, cresce il desiderio di rientrare nella sfera di competenza dell’UE. In Serbia, nei negoziati di adesione dal 2014, la formula semi-segreta: UE Sì, non Nato. I fondi di Bruxelles – fortunatamente, nelle vicinanze di Mosca – molto felicemente. Si ricorda con amarezza che nel 1999 la NATO è intervenuta per proteggere la popolazione di lingua albanese nell’allora provincia serba del Kosovo.

[Alle aktuellen Nachrichten zum russischen Angriff auf die Ukraine bekommen Sie mit der Tagesspiegel-App live auf ihr Handy. Hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen.]

Il Grande Fratello non ha accettato questo compito: la Russia, come la Serbia, non ha riconosciuto l’indipendenza del Kosovo. Investe nell’economia serba.

READ  40 La migliore carbone vegetale del 2022 - Non acquistare una carbone vegetale finché non leggi QUESTO!

La perdita del Kosovo sta causando un dolore magico ai nazionalisti serbi, che si rallegreranno se il loro fratello minore, la Repubblica serba, si separerà e si unirà alla Serbia. La fantasia di una “Grande Serbia” è ancora fumante, paragonabile alla spinta di Putin per una “Grande Russia” che includa l’Ucraina. È in imbarazzo fintanto che il presidente serbo Alexander Vuிக்i vuole accontentare tutti gli estremisti stranieri e i giovani riformatori, dell’est e dell’ovest, all’estero.

In una sessione speciale dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York all’inizio di marzo, la Serbia ha votato a sorpresa, condannando l’attacco russo all’Ucraina. Tuttavia, Vucic non ha voluto sostenere le sanzioni dell’UE. Venerdì a Belgrado, Vucic ha sottolineato che la Germania è “il partner più importante” nelle prospettive economiche e “potrebbe capire meglio la loro posizione”. Capisci, suona prudente. Prima di partire, Barbach aveva già annunciato che “non lasceremo questa parte dell’Europa centrale all’influenza di Mosca”.

A Belgrado, ha distinto efficacemente la vicinanza culturale con la Russia e la richiesta di distanza dalla politica di aggressione del Cremlino. Ha attirato coraggiosamente opportunità attraverso investimenti e posti di lavoro e ha mostrato rispetto per la “dimensione speciale” di qualcuno che, come la Serbia, avrebbe “spostato il suo corso a 180 gradi” attraverso il voto delle Nazioni Unite.

Cambio di confine violento

Infine, alla luce delle aspirazioni di Dodik, è stato chiarito che la “opposizione” alle misure inaccettabili in Bosnia-Erzegovina, che non dovrebbe essere costretta a spostare i confini in nessuna parte dell’Europa, era in realtà richiesta alla Serbia. Inevitabile anche la richiesta di Berbagh che la Serbia cerchi il dialogo con il Kosovo dopo le elezioni del 3 aprile. Ricompensa La piena adesione all’UE.

READ  Problema per i vacanzieri! 8000 eventi allo Sky Resort - 1000 olandesi colpiti e tornati

Fino ad allora molto deve cambiare. Molto. Durante la visita di Vladimir Putin a Belgrado nel 2019, un parente cristiano-ortodosso è stato salutato come un grande ospite. Il simbolo dell’amicizia è un murale a Belgrado, un ritratto umano-superiore di Putin, con il tricolore serbo che appare due volte sul retro, uno largo e uno corto, che rappresentano le repubbliche serba e bosniaca della Serbia. Inoltre, “Brad”, fratello, è inciso a mano in cirillico.

A un tavolo così popolare, l’idea tossica della fusione dei due territori fuma. Qualcuno ha frettolosamente spruzzato la parola “ubica” sul murale: “killer”. Ma le proteste contro il tradizionale zelo per la Russia non sono la regola, soprattutto nella Repubblica Serba di Bosnia, Republika Srpska.

La loro instabilità mostra che la Bosnia Erzegovina non può essere stabilizzata senza profonde riforme costituzionali. Il governo è stato creato come se fosse stato fatto a pezzi dagli accordi di Dayton, che posero fine alle guerre di disintegrazione jugoslava del 1995. Una grande parte è la Federazione croato-bosniaca, una piccola parte è la Republika Srpska. Il paese ancora razzista è governato dal trio bosniaco-croato-serbo, che detiene la presidenza dello stato, e da tre gabinetti che collaborano poco.

Puoi leggere di più sulla guerra contro l’Ucraina su Tagesspiegel Plus:

Dal 1995, l’Ufficio dell’Alto Rappresentante della Comunità Internazionale (OHR) a Sarajevo garantisce il rispetto di Dayton. Servizio militare dell’UE L’ordine dell’EUFOR viene rinnovato ogni anno. La Russia ha approvato la risoluzione delle Nazioni Unite di cedere parzialmente il potere all’OHR.

Milorad Dodik vuole il suo esercito, le sue forze di polizia. Un anno fa ha negato il genocidio di Srebrenica nella repubblica serba, il territorio dove avrebbe dovuto “ripulire” la sua popolazione musulmana durante la guerra in Bosnia. Due ex rappresentanti di alto rango, Christian Schwarz-Shilling e Valentin Insco, hanno avvertito l’UE e la NATO all’inizio di marzo che la guerra in Ucraina si sarebbe intensificata nei Balcani occidentali.

READ  40 La migliore insetticida per formiche del 2022 - Non acquistare una insetticida per formiche finché non leggi QUESTO!

In secondo luogo, data la situazione dell’esercito russo in Ucraina, sembra che un fronte balcanico con il sostegno russo non sia attualmente possibile. Non è da escludere, tuttavia, che l’umore turbolento della Repubblica Srpska possa essere utilizzato per manovre diversive. Pertanto, la richiesta di aumentare la presenza dell’EUFOR in Bosnia Erzegovina è, almeno temporaneamente, sensata.

Il ministro degli Esteri sottolinea giustamente che gli investimenti in cammino verso l’UE sono legati alla democrazia e allo stato di diritto, nonché al rispetto degli accordi e dei trattati internazionali. Ma allo stesso tempo, i difetti di Dayton devono essere portati alla luce. La Bosnia è la patria di uno dei più grandi operatori di pace d’Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.