Il maestro russo Valery Gergiev è stato licenziato dall’Orchestra Filarmonica di Monaco per aver sostenuto l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin

“Mi sarei aspettato che ripensasse e rivedesse la sua valutazione molto positiva del leader russo”, ha detto Reiter. “Dopo che ciò non è accaduto, l’unica opzione è interrompere immediatamente i rapporti”.

La decisione di licenziare Gergiev, l’importante direttore d’orchestra di musica classica che ha guidato l’Orchestra Filarmonica di Monaco dalla stagione 2015-16, ha fatto seguito a una diffusa protesta nei confronti del direttore per il suo rifiuto di denunciare Putin. Alcuni dei concerti di Gergiev furono cancellati e gli fu chiesto di dimettersi da incarichi onorari perché non si era pronunciato contro l’invasione.

Markus Felsner, il manager di Gergiev, ha annunciato domenica che avrebbe lasciato il suo cliente per il suo sostegno a Putin. Felsner, che ha descritto Gergiev come “il più grande direttore d’orchestra vivente e uno straordinario essere umano con un profondo senso dell’etichetta”, ha detto Guardiano Il leader non potrà e non sarà in grado di “porre fine al suo appoggio a lungo proclamato a un regime che è venuto a commettere tali crimini”.

“Alla luce della guerra criminale condotta dal regime russo contro lo Stato democratico indipendente dell’Ucraina, e contro la società europea aperta nel suo insieme, è diventato impossibile per noi, e ovviamente sgradito, difendere gli interessi del maestro Gergiev”, Felsner ha detto in una nota, rilevando che la decisione di rovesciare il direttore d’orchestra è stato “il giorno più triste della mia carriera”.

Gergiev non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento martedì. Non ha ancora parlato pubblicamente dell’invasione russa.

L’annuncio arriva quando le forze russe hanno accumulato una forza pericolosa martedì. Mentre i soldati ucraini e la milizia civile assegnata fornivano un’ostinata difesa delle principali città, un proiettile russo colpì vicino all’edificio amministrativo di Kharkiv e un convoglio di carri armati, porta truppe e artiglieria lungo oltre 40 miglia sembrava minacciare Kiev. Cinque ore di conversazioni Lunedì le delegazioni russa e ucraina vicino al confine bielorusso non sono riuscite a raggiungere una svolta, poiché le due parti hanno deciso di continuare le discussioni solo nei prossimi giorni.

READ  La coppia reale britannica intraprende un tour dei Caraibi dopo aver protestato in Belize

Gergiev, nato a Mosca, è un maestro famoso che confeziona regolarmente opere e sale da concerto. Non ha nascosto la sua relazione con Putin, che conosce da decenni. Il direttore d’orchestra ha sostenuto le campagne presidenziali di Putin e si è schierato con il leader russo Pussy Riot denunciatoche si è espresso contro il controllo di Putin sulla cultura della nazione.

Oltre ad essere il direttore artistico di lunga data del Teatro Mariinsky di San Pietroburgo, Gergiev è stato premiato da Putin nel 2013 come “Eroe d’azione” ufficiale, oceano Atlantico menzionato. Nello stesso anno, alla cerimonia di apertura di un’espansione da un milione di dollari del Teatro Mariinsky, Putin ha brindato al compleanno di Gergiev, che aveva appena compiuto 60 anni, secondo Newyorkese.

Nel 2014, Gergiev era tra coloro che firmare una lettera Sostegno all’annessione della Crimea da parte della Russia all’Ucraina. Ha anche tenuto un concerto nel 2016 davanti ai soldati russi nella città siriana di Palmira poco dopo che è stata riconquistata dallo Stato islamico, ha detto. BBC.

Il mondo della musica classica ha risposto alla recente inazione di Gergiev. Il Festival svizzero di Verbier ha confermato che Gergiev ha rassegnato le dimissioni da direttore musicale su sua richiesta. È stato inserito nel tour della Filarmonica di Vienna di cinque concerti negli Stati Uniti, nell’Edinburgh International Festival e nel Festspielhaus Theatre in Germania. Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha detto lunedì ai giornalisti che Gergiev non avrebbe più eseguito la “Regina di picche” al Teatro alla Scala.

READ  Fine di "The Wendy Williams Show"; Sherri Shepherd Talker per sostituirlo - Scadenza

“Non credo che ci sarà, penso che a questo punto possiamo escluderlo”, ha detto Sala, che è anche presidente della Scala, secondo Reuters. Quando gli è stato chiesto se Gergiev avesse acconsentito alla richiesta del Teatro alla Scala di parlare pubblicamente dell’invasione, Sala ha detto: “Il Maestro non ci ha risposto”.

La Filarmonica di Rotterdam ha anche indicato che abbandonerà Gergiev se continuerà a sostenere Putin. L’orchestra ha detto che il festival di settembre che avrebbe dovuto tenere sarebbe stato cancellato se non si fosse pronunciato contro l’invasione.

Reiter, il sindaco di Monaco, ha notato di aver risolto il contratto di Gergiev tre anni prima della scadenza del suo accordo.

“Con effetto immediato, non ci saranno altri concerti dell’Orchestra Filarmonica di Monaco sotto la sua supervisione”, ha affermato in una nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.