La Casa Bianca affronta una crescente impazienza a Capitol Hill mentre le richieste di aiuto all’Ucraina aumentano prima del discorso di Zelensky

Zelensky pronuncerà un raro discorso in tempo di guerra al Congresso in mattinata, meno di due settimane dopo che il leader ucraino ha tenuto un incontro virtuale con i legislatori statunitensi. È ampiamente previsto che utilizzerà la retorica di mercoledì – come ha affermato nei suoi discorsi ad altri governi amici – per fare ancora una volta un appassionato appello agli Stati Uniti per ulteriori aiuti, compresi alcuni tipi di assistenza militare che l’amministrazione Biden ha già fornito. contro.

I legislatori e gli assistenti di Capitol Hill hanno detto alla CNN che si aspettano che il prossimo grande ciclo di deliberazioni a Washington su come aiutare al meglio l’Ucraina a combattere la Russia dipenderà, in gran parte, esattamente da ciò che Zelensky chiede quando parla al Congresso. Il discorso arriva mentre alcuni a Capitol Hill stanno perdendo la pazienza con il ritmo dell’amministrazione e la riluttanza – per il momento – ad arrivare al punto in cui Zelensky voleva fornire aerei da combattimento e imporre una no-fly zone sul paese. Quelle erano probabilmente tra le cose richieste dal leader ucraino nel discorso di mercoledì, ma l’amministrazione le ha escluse per le preoccupazioni su come Putin avrebbe interpretato quelle mosse.

Biden dovrebbe annunciare ulteriori 800 milioni di dollari in assistenza alla sicurezza, secondo un funzionario, portando il totale a 1 miliardo di dollari annunciato solo la scorsa settimana e 2 miliardi di dollari dall’inizio dell’amministrazione Biden.

Il presidente svelerà il nuovo pacchetto di aiuti militari, compresi i missili anticarro, non appena mercoledì dopo il discorso di Zelensky, secondo funzionari che hanno familiarità con i piani. Il nuovo aiuto fermerebbe la no-fly zone o gli aerei da combattimento che secondo Zelensky erano essenziali per la continua guerra dell’Ucraina contro la Russia. Ma la nuova assistenza includerà più armi difensive che gli Stati Uniti hanno già fornito, inclusi Javelins e Stinger. Il Wall Street Journal prima di tutto Ho menzionato l’annuncio di aiuto previsto.

Mentre il governo degli Stati Uniti ha ampiamente risposto alla guerra con il sostegno bipartisan all’Ucraina, alcuni legislatori stanno perdendo la pazienza, inclusi repubblicani di alto rango che finora sono stati diffidenti nei confronti delle critiche alla risposta dell’amministrazione. Biden e la sua amministrazione non hanno risposto così rapidamente come vorrebbero alcuni al Congresso poiché il presidente mira a mantenere uniti gli alleati americani nella loro risposta alla crisi.

“Qualunque cosa il Congresso avesse chiesto di fare, loro (l’amministrazione) inizialmente hanno detto di no. E poi hanno detto di sì dopo che i nostri alleati l’hanno fatto”, ha detto il senatore Jim Risch, il massimo repubblicano nella commissione per le relazioni estere del Senato. “È lento. Fa male.”

READ  Almeno 3 elicotteri militari russi sono stati fatti saltare in aria in un raid ucraino all'aeroporto di Kherson

Il rappresentante democratico Josh Gottheimer, che è uno dei membri del team di molti legislatori che hanno sostenuto l’invio di caccia e altri veicoli militari alle forze ucraine, ha affermato. “Nelle aree in cui pensiamo di dover fare di più – e dove sentiamo a casa che dobbiamo fare di più – lo daremo voce alla Casa Bianca”.

“Il discorso (di Zelensky) al Congresso compenserà molto”, ha detto un capo di stato maggiore a un membro della Camera dei rappresentanti quando gli è stato chiesto quale questione il loro presidente avrebbe probabilmente spinto pubblicamente per quanto segue.

Il presidente dell’Ucraina prende una posizione virtuale al Campidoglio

I membri hanno affermato che non si aspettano che Zelensky pronunci parole quando si tratta dell’aiuto di cui il suo paese ha bisogno.

“Penso che sarebbe grato per quello che abbiamo fatto”, ha detto il senatore repubblicano dell’Ohio Rob Portman, prevedendo cosa aspettarsi dal discorso di Zelensky. la verità.”

Sul Campidoglio, Pressione per fare di più per aiutare gli alleati dell’Ucraina È cresciuto nelle ultime settimane quando repubblicani e democratici hanno intensificato le richieste all’amministrazione di facilitare il trasferimento di aerei dalla Polonia all’Ucraina, di tagliare le importazioni di energia russa negli Stati Uniti e di reprimere le normali relazioni commerciali con la Russia. Sulle ultime due questioni, la Casa Bianca ha agito la scorsa settimana dopo che c’era già stato uno slancio significativo sulla collina.

Un funzionario della Casa Bianca ha detto all’epoca che avrebbero rifiutato qualsiasi suggerimento secondo cui la pressione del Congresso avesse spinto la Casa Bianca ad agire, e i funzionari hanno sottolineato che il processo decisionale dell’amministrazione sugli aiuti ucraini ha dato priorità alle consultazioni con i suoi alleati europei.

La questione dell’invio di aerei da combattimento dell’era sovietica in Ucraina – e come – è emersa come un dibattito particolarmente spinoso. In quella che la Casa Bianca in seguito avrebbe definito “interruzione temporanea delle comunicazioni” la scorsa settimana, il governo polacco ha proposto di inviare aerei a una base dell’aeronautica americana in Germania e per spostare quegli aerei in Ucraina, solo e presto i funzionari statunitensi hanno respinto l’idea. L’amministrazione ha avvertito che le sfide logistiche, così come i rischi di un confronto diretto tra Stati Uniti e Russia, erano troppo grandi.

READ  Cina Russia: 4 modi in cui la Cina rende silenziosamente la vita più difficile alla Russia

Ma nei giorni successivi a quel rifiuto, sia i legislatori democratici che quelli repubblicani hanno intensificato le richieste all’amministrazione di fornire all’Ucraina questi aerei da combattimento, insieme ad altri strumenti militari come i sistemi di difesa aerea.

Un’altra richiesta che Zelensky I legislatori possono ripresentarsi Mercoledì: la creazione di una no-fly zone sull’Ucraina, a cui l’amministrazione Biden si è più volte opposta.

I legislatori di Capitol Hill, inclusi alcuni dei suoi membri più aggressivi, sono ampiamente d’accordo, anche se il senatore democratico Joe Manchin del West Virginia ha recentemente affermato che non vorrebbe togliere l’opzione dal tavolo.

La Casa Bianca deve affrontare difficili passi successivi

Ore dopo che Zelensky ha parlato davanti al Congresso, Biden è pronto a tenere il suo discorso descrivendo in dettaglio gli aiuti statunitensi all’Ucraina. I due presidenti si sono parlati regolarmente nelle ultime settimane e i funzionari della Casa Bianca sono stati in contatto quotidiano con lo staff di Zelensky, un livello di coordinamento che porta la Casa Bianca a credere che non sarebbe sorpresa dal discorso del presidente ucraino mercoledì.

Martedì alla conferenza stampa della Casa Bianca, Psaki ha accreditato la “passione”, il “coraggio” e il “coraggio” di Zelensky per aver contribuito ad accelerare una “quantità storica di assistenza militare, di sicurezza e armata” all’Ucraina e ha riconosciuto le richieste di un raggio d’azione di misure aggiuntive provenienti dal Congresso.

“Sì, siamo consapevoli che ci sono state un sacco di chiamate bipartisan”, ha detto Psaki. “Ma quello che abbiamo la responsabilità di fare qui è valutare l’impatto sugli Stati Uniti e sulla nostra sicurezza nazionale”.

I legislatori affermano che quando chiedono alla Casa Bianca di valutare alcune opzioni quando si tratta di aiutare l’Ucraina, indirizzano le cose che hanno sentito dai loro elettori a casa.

Il senatore Dick Durbin, D-Illinois, che è il democratico n. 2 al Senato, ha detto che avrebbe “attenuato” la decisione di Biden di non inviare aerei da combattimento in Ucraina. Anche così, quando è tornato a Chicago per il fine settimana, Durbin ha sentito molti dei suoi elettori esprimere preoccupazione per la mancanza di aerei da combattimento forniti all’Ucraina.

“Questo è un dilemma”, ha detto Durbin alla CNN. “È un classico dilemma. Vogliamo fornire l’equipaggiamento di cui l’Ucraina ha bisogno per sopravvivere. Non vogliamo spingere Putin nella terza guerra mondiale o in una resa dei conti nucleare”. “Solo il presidente può prendere quella decisione, e ha esortato alla cautela. Posso fare argomentazioni da una parte o dall’altra”.

Mostra un sondaggio recente Gli americani sostengono in modo schiacciante l’aumento delle sanzioni economiche contro la Russia e in generale supportano ulteriori misure per fermare l’invasione russa dell’Ucraina, sebbene la maggior parte si opponga all’azione militare diretta degli Stati Uniti.

Un momento personale per molti legislatori

Martedì, Biden firma un disegno di legge del governo da 1,5 trilioni di dollari Fattura di finanziamento che includeva 13,6 miliardi di dollari di aiuti all’Ucraina. E mentre la scorsa settimana il Congresso ha approvato un massiccio pacchetto di aiuti da 13 miliardi di dollari per l’Ucraina, c’è ancora più legislazione da affrontare a Capitol Hill. Il Senato deve ancora adottare un disegno di legge approvato dalla Camera che vieti le importazioni di energia dalla Russia e continuano i negoziati su come limitare al meglio la normalizzazione delle relazioni commerciali con la Russia.

Lo ha affermato la rappresentante democratica Stephanie Murphy, membro della Commissione per i servizi armati della Camera. “La gente vuole vederci fare di più e sembra capire che questo è un buon momento di fronte al male e un momento di difesa della democrazia”.

READ  Le azioni sono volatili, gli Stati Uniti colpiscono la Banca centrale russa, petrolio e oro

Murphy ha affermato che la considerazione da parte dell’amministrazione delle sue opzioni per aiutare l’Ucraina è stata “attiva e cauta”, aggiungendo che il prossimo round di discussioni sull’assistenza militare all’Ucraina dovrà essere affrontato con cautela.

“Stiamo arrivando a un punto in cui siamo sfiniti dalle risposte facili”, ha detto. “La cosa buona è che Zelensky verrà davanti al Congresso e chiederà molte cose, come dovrebbero”.

È probabile che il discorso del leader ucraino significhi di più per alcuni dei legislatori che hanno costruito relazioni personali con Zelensky negli ultimi anni. Ha incontrato personalmente i legislatori statunitensi in passato, ha tenuto telefonate con senatori e ha parlato la scorsa settimana con la presidente della Camera Nancy Pelosi.

“Penso che il Congresso generalmente apprezzi il fatto che tre settimane dopo questo attacco da parte di un paese molto più grande, possa ancora andare da qualche parte e avere un incontro virtuale con il Congresso degli Stati Uniti”, ha affermato il senatore repubblicano del Missouri Roy Blunt.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori rapporti martedì.

Kaitlan Collins della CNN, Manu Raju e Kevin Liptak hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.