La Columbia University in Cina aiuta la Russia a incidere sulle sanzioni

La Cina valuterà i propri interessi quando deciderà se aiutare la Russia ad affrontare l’impatto delle sanzioni occidentali a seguito della guerra in Ucraina, secondo un ex vice coordinatore delle sanzioni presso il Dipartimento di Stato americano.

“Il governo degli Stati Uniti considererà la Cina molto importante qui”, ha detto lunedì Richard Neveu alla CNBC, quando gli è stato chiesto quanto sia importante il ruolo della Cina nel garantire l’efficacia delle sanzioni statunitensi. Ha aggiunto che i cinesi hanno la capacità di fornire un “certo grado” di sostegno alla Russia poiché Mosca soffre delle ripercussioni di tali sanzioni.

I cinesi guarderanno sempre ai loro interessi nazionali e hanno ancora un grande interesse nel poter fare affari in Europa e negli Stati Uniti.

Riccardo Nevo

Ricercatore senior presso la Columbia University

prossimo L’invasione russa dell’UcrainaIl Gli Stati Uniti e l’Unione Europea sono intervenuti con sanzioni Sulle banche russe, sulla banca centrale e sui beni della loro oligarchia. La scorsa settimana, gli Stati Uniti hanno imposto un ulteriore embargo sul petrolio russo.

Gli investitori stanno guardando da vicino per vedere cosa farà la Cina quando quelle sanzioni colpiranno l’economia russa. Mosca conta su Pechino Per aiutare a resistere al colpo alla sua economia, Il Financial Times ha riferito,. Tuttavia, gli Stati Uniti avvertono la Cina di non sostenere lo stato canaglia.

“I cinesi terranno sempre conto dei loro interessi nazionali e hanno ancora un grande interesse nel poter fare affari in Europa e negli Stati Uniti”, ha detto Nevo a “Street Signs Asia” della CNBC.

“Il grado in cui viene visto come un indebolimento della campagna di sanzioni da parte degli Stati Uniti o dell’Europa potrebbe influire negativamente su questo. Penso che la Cina lo prenderà molto sul serio”.

READ  La Banca centrale russa alza i tassi di interesse e cerca di ridurre le ripercussioni delle sanzioni

Leggi di più sulla Cina da CNBC Pro

Dall’attacco della Russia all’Ucraina, Pechino ha rifiutato di chiamarla invasione Ha detto che la Cina manterrà il commercio normale con i due paesi. La Cina non ha aderito alle sanzioni di Stati Uniti, Unione Europea e altri paesi sulla Russia. Ma il primo ministro Li Keqiang ha detto la scorsa settimana La Cina era molto preoccupata per la crisi in UcrainaHa avvertito che le sanzioni danneggerebbero la crescita globale.

Ma se Washington vuole sostenere Pechino nel non sostenere la Russia, è improbabile che realizzi miracoli, ha affermato Nevo, attualmente ricercatore senior alla Columbia University.

“Ma allo stesso tempo, penso che metteranno quella frustrazione e rabbia là fuori e comunque, al fine di garantire che i loro interessi siano presi in considerazione”, ha detto, riferendosi alla Cina.

Ha aggiunto che questo potrebbe significare tranquillamente non cooperare con la Russia, “ma certamente non violare palesemente le sanzioni statunitensi ed europee contro la Russia”.

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan lo è programmato per i colloqui Lunedì con il massimo funzionario della politica estera cinese, Yang Jiechi, per discutere dell’invasione dell’Ucraina.

Lo ha detto prima la Casa Bianca Il commercio della Cina con la Russia non è sufficiente a compensare l’impatto delle sanzioni statunitensi ed europee su Mosca. Ha affermato che la quota di Cina e Russia nell’economia globale è molto inferiore a quella del Gruppo dei Sette, che comprende Stati Uniti e Germania.

La Cina è il più grande partner commerciale di Russia e Ucraina e il commercio tra Cina e Russia ha raggiunto a punteggio alto $ 146,9 miliardi nel 2021, con un aumento del 35,8% anno su anno, Secondo l’agenzia doganale cinese. Le importazioni cinesi dalla Russia hanno superato le esportazioni di oltre 10 miliardi di dollari lo scorso anno.

READ  La Turchia mette in guardia contro il transito di navi da guerra dal suo stretto Notizie della crisi russo-ucraina

Alexander Gaboyev, membro anziano e presidente della Russia presso il think tank Carnegie Moscow, ha affermato di aspettarsi che la Cina sia “religiosa in termini di osservanza” delle sanzioni statunitensi e dell’UE. Ha aggiunto che Pechino “farà tutto ciò che è in suo potere” al di fuori dell’ambito delle sanzioni.

Una possibilità è che una volta che la situazione bellica si sarà stabilizzata, la Cina potrebbe cogliere l’opportunità di acquistare petrolio e gas russi a buon mercato, ha detto Gaboev lunedì al programma “Capital Connection” della CNBC.

“Non ci sarà alcuna violazione ufficiale delle sanzioni statunitensi ed europee, ma questa sarà un’importante ancora di salvezza fisica per il regime”, ha affermato.

Evelyn Cheng della CNBC ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.