La Corte Internazionale di Giustizia dell’Onu ordina alla Russia di fermare l’invasione dell’Ucraina | Ucraina

La Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite dell’Aia ha ordinato alla Russia di fermarlo Invasione dell’Ucrainaaffermando che la corte non ha visto prove a sostegno della giustificazione del Cremlino per la guerra, secondo cui l’Ucraina stava commettendo un genocidio contro i russofoni nell’est del paese.

La corte si è pronunciata con 13 voti contrari e 2 contrari ordine temporaneo Che “la Federazione Russa deve interrompere immediatamente le operazioni militari iniziate il 24 febbraio 2022 sul territorio dell’Ucraina”. Solo i giudici russi e cinesi della corte hanno votato contro l’ordinanza.

Il presidente della corte, il giudice statunitense Joan Donoghue, ha affermato che la corte “non ha prove a sostegno” delle accuse russe di genocidio sul suolo ucraino. In ogni caso, ha detto, è “dubbio” che la Convenzione sul genocidio desse a qualsiasi autorità “di usare la forza unilateralmente nel territorio di un altro Stato”.

Di conseguenza, ha detto: “La corte lo ritiene Ucraina Ha un ragionevole diritto a non essere sottoposto ad operazioni militari da parte della Federazione Russa”.

Le sentenze dell’ICJ sono vincolanti ai sensi della Carta delle Nazioni Unite e l’ordinanza del tribunale osservava che “creano obblighi legali internazionali per qualsiasi parte a cui sono dirette misure provvisorie”, ma che non hanno mezzi di esecuzione. È improbabile che influisca sulle scelte di Putin, ma fornisce una confutazione ufficiale di una scusa che usa frequentemente per iniziare la guerra.

“L’Ucraina ha ottenuto una vittoria completa nella causa contro la Russia dinanzi alla Corte internazionale di giustizia”, ​​ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. in un tweet. La Corte internazionale di giustizia ha ordinato l’immediata sospensione dell’invasione. Il sistema è vincolante ai sensi del diritto internazionale. La Russia deve conformarsi immediatamente. Ignorarlo isolerà ulteriormente la Russia”.

L’ordine era in risposta a un appello ucraino alla corte il 26 febbraio, chiedendo una sentenza urgente sulle accuse non supportate dalla Russia secondo cui le forze ucraine stanno commettendo un genocidio nelle enclavi sostenute dalla Russia nelle regioni di Luhansk e Donetsk dell’Ucraina orientale, come giustificazione. attacco.

La Russia non ha partecipato all’udienza iniziale del caso il 4 marzo e i suoi avvocati non sembrano aver ascoltato il verdetto mercoledì. Invece, hanno inviato una lettera alla corte sostenendo che l’ICJ non aveva giurisdizione sul caso, perché la Russia ha formalmente giustificato l’attacco in una lettera al Segretario generale delle Nazioni Unite sulla base dell’autodifesa, non del genocidio.

Donoghue ha stabilito che “la mancata comparizione di uno degli Stati interessati non può costituire di per sé un ostacolo” alla disposizione di una sentenza provvisoria. Ha anche respinto l’argomento della Russia sulla giurisdizione ai sensi della Convenzione sul genocidio, citando ripetute occasioni in cui Vladimir Putin e altri alti funzionari russi hanno affermato che il presunto genocidio era la causa dell’attacco.

“La corte ha concluso di essere competente ai sensi dell’articolo 9 della Convenzione sul genocidio ad esaminare il caso”, ha affermato Donoghue.

READ  parere | Putin ha messo in guardia l'Occidente contro l'espansione della NATO. Ora in Ucraina recitazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.