La Francia incendia le centrali a carbone: preoccupazione per le interruzioni di corrente

UNPreoccupato per noi mancanza di corrente Il governo francese vuole aggiornare temporaneamente le vecchie centrali elettriche a carbone più velocemente del previsto. A tal fine, le norme sulle emissioni entrate in vigore all’inizio dell’anno devono essere allentate. Il ministro dell’ambiente Barbara Pompey ha avviato l’emendamento; Ora è in consultazione e dovrebbe entrare in vigore entro la fine di gennaio. Con la richiesta di modifica, i computer dovrebbero poter connettersi alla rete per un totale di 1000 ore durante i freddi mesi invernali di gennaio e febbraio. Questo è significativamente più delle 700 ore di funzionamento consentite durante tutto l’anno.

Sono stati colpiti anche la centrale elettrica a carbone di Cordemice, vicino a Nantes, e il blocco a carbone della centrale elettrica di Emily Hussein, non lontano da Saarbrooken. Con una produzione di 1,2 e 0,6 gigawatt, possono produrre solo una frazione simile alle centrali nucleari francesi, con una potenza totale di circa 61 gigawatt. L’operatore di rete RTE ha previsto pochi giorni fa che le centrali nucleari avrebbero avuto accesso solo da 43 a 51 gigawatt a gennaio a causa di lavori di manutenzione e problemi tecnici. “Questo è il valore più basso mai raggiunto per una flotta nucleare in questo periodo dell’anno”, afferma l’RTE. Di conseguenza, l’operatore di rete ha aumentato la sua “consapevolezza” dell’elettricità per gennaio.

Finora non ci sono restrizioni di fornitura

La prevista accelerazione delle ultime due centrali elettriche a carbone francesi sta avvenendo in vista dell’imminente blocco. “Questa misura è necessaria per garantire la sicurezza dell’alimentazione in relazione agli allarmi Rte”, scrive il ministro Pompili. Allo stesso tempo, il programma per le emissioni di carbone rimane invariato: la centrale elettrica di Emily Hussein dovrebbe andare offline entro la fine di marzo, dopo Cordemais nel 2024. Quest’ultimo apparteneva a una società statale francese EDF Realizzato da Gazel Energies, un gruppo energetico ceco di proprietà di EPH. La produzione di energia elettrica a carbone è già stata completata a Le Havre nel nord della Francia ea Gordon nel sud della Francia.

FAZ Frühdenker – Newsletter per la Germania

6.30 nei giorni feriali.

Registrazione

Al momento non si sa cosa farà dopo aver lasciato il posto. Da un lato, dipende dalle condizioni meteorologiche. L’operatore di rete RTE non vedeva gravi rischi di distribuzione nelle sue previsioni dalla fine di dicembre a causa dell’assenza di freddo all’inizio dell’anno. Questo può cambiare durante il mese. Molti francesi sono riscaldati dall’elettricità e il maltempo è una combinazione di freddo e tranquillità. In Francia sono state installate turbine eoliche con una capacità di circa 17 gigawatt, ma la capacità effettivamente utilizzata è spesso notevolmente inferiore, ad esempio inferiore a 2 gigawatt giovedì pomeriggio.

Resta invece da vedere quando verranno riunite le centrali nucleari francesi, attualmente chiuse. Ciò vale soprattutto per le fornaci particolarmente potenti di Suz nelle Ardenne. Sono stati chiusi poco prima di Natale dopo che l’operatore EDF ha scoperto crepe nei gomiti di un sistema di aghi di sicurezza in forni identici a Sivax, a ovest del paese. Studi preliminari hanno indicato l’erosione da pressione.

I reattori di Civaux dovrebbero essere nuovamente operativi entro la fine di marzo e la fine di aprile. La riattivazione dei reattori di Soos è prevista per fine gennaio. Tuttavia, giovedì, l’operatore di rete RTE ha annunciato che lo stesso problema con Civaux si era verificato in uno dei due reattori. Non potrà tornare online fino alla fine di aprile. Al momento non si sa cosa farà dopo aver lasciato il posto. Lì sono in corso le indagini.

READ  Problema per i vacanzieri! 8000 eventi nella stazione sciistica, 1000 olandesi colpiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.