La Gran Bretagna aggiunge il miliardario russo Roman Abramovich alla lista delle sanzioni

Roman Abramovich, proprietario del Chelsea FC, sorride dopo la vittoria della sua squadra durante la finale di UEFA Champions League tra Manchester City e Chelsea all’Estadio do Dragao il 29 maggio 2021 a Porto, in Portogallo.

Alexander Hassenstein | Uefa | Getty Images

Le autorità britanniche hanno sanzionato l’oligarca russo Roman Abramovich, proprietario uscente del Chelsea FC e alleato del presidente Vladimir Putin.

Il governo britannico ha dichiarato giovedì che Abramovich era tra i sette uomini d’affari russi aggiunti all’elenco delle sanzioni, poiché la pressione sullo stato paria si intensificava per la sua invasione dell’Ucraina.

La nuova lista include altri membri della cerchia ristretta di Putin, come Oleg Deripaska, Dmitry Lebedev e Igor Sechin.

I sette uomini vedranno congelati tutti i loro beni e il loro viaggio sarà limitato.

“Non può esserci rifugio sicuro per coloro che hanno sostenuto il feroce attacco di Putin all’Ucraina”, ha detto il primo ministro britannico Boris Johnson.

La campagna segue l’annuncio di Abramovich la scorsa settimana che venderà il suo Chelsea Football Club, insieme a una serie di proprietà di lusso a Londra, mentre procede alla vendita dei suoi beni nel Regno Unito.

Il 55enne, la cui fortuna originariamente derivava dalla privatizzazione dell’industria russa, ha detto all’epoca che la vendita era nel “miglior interesse del club” e che tutti i proventi netti della vendita sarebbero stati donati alle vittime della guerra.

Dopo l’annuncio delle sanzioni, la potenziale acquisizione del Chelsea è stata sospesa e il governo deve dare il permesso per qualsiasi vendita.

Il Ministero dello Sport britannico ha dichiarato che lavorerà a stretto contatto con il club e la più ampia lega di calcio per garantire che le partite possano continuare a essere giocate.

READ  L'atletica scambia Matt Olson per i Braves

“La licenza rimarrà sotto costante revisione e lavoreremo a stretto contatto con le autorità calcistiche”, ha affermato un portavoce del governo.

Un portavoce di Ambramović ha detto che non ha potuto commentare immediatamente.

Ci sono state crescenti richieste da parte dei legislatori britannici di prendere di mira Abramovich, che finora ha evitato le sanzioni che alcuni dei suoi coetanei devono affrontare, anche se ha pubblicamente rinunciato a molti dei suoi legami più preziosi con il Regno Unito.

Johnson ha affermato che la mossa di giovedì ha mostrato l’impegno del governo a fare pressione su coloro che hanno legami con il Cremlino mentre la sanguinosa guerra è entrata nella sua seconda settimana.

“Le sanzioni di oggi sono l’ultimo passo nel fermo sostegno del Regno Unito al popolo ucraino. Saremo duri nel perseguire coloro che aiutano a uccidere civili, distruggere ospedali e occupare illegalmente alleati sovrani”, ha affermato.

Altri sanzionati includono Deripaska, che possiede partecipazioni nel gruppo Nplus, Lebedev, presidente della Banca di Russia, e Sechin, amministratore delegato del gruppo petrolifero russo. Rosneft.

Alexey Miller, CEO di Energia GazpromAnche Nikolai Tokarev, capo della compagnia di oleodotti statale russa Transneft, è stato infettato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.