La lotta contro la guerra in Ucraina “trasmette onde d’urto nella società russa”

  • Tim Vincent Dick

    SpentoTim Vincent Dick

    All’estremità

  • All’estremità

Durante una trasmissione in diretta, un giornalista ha manifestato contro la guerra in Ucraina. Ora il verdetto contro Marina Ovzjannikova è stato deciso.

  • Protestare Vladimir Putin* E questo Guerra in Ucraina* Un giornalista ha attaccato una trasmissione in diretta a Mosca.
  • Il giornalista tiene in mano un poster sull’attacco Russia* Per di più Ucraina* Condanna e appello alla pace.
  • A seguito della protesta pubblica contro questo Conflitto in Ucraina* Il giornalista scompare temporaneamente dalla televisione di stato. Tutte le informazioni sul loro destino e le conseguenze della loro azione nel nostro nuovo ticker.

Aggiornato mercoledì 16 marzo 2022 dalle 11:13: Dopo la protesta provocatoria di Marina Ovsyanikova alla televisione di stato russa, il presidente francese Emmanuel Macron ha fornito protezione alla stampa televisiva. “Prenderemo sicuramente un’azione diplomatica per proteggere i tuoi colleghi all’ambasciata o all’asilo”, ha detto Macron quando gli è stato chiesto da un giornalista francese. Nel suo prossimo incontro con il leader del Cremlino Vladimir Putin proporrà questa soluzione in modo diretto e sistematico.

Aggiornato mercoledì 16 marzo 2022 dalle 6:25: L’esperta russa Taria Khrushchev vede l’opposizione russa di Marina Ovsyanikova alla televisione russa come sempre più ostile a Vladimir Putin. “Questo è un buon segno”, ha detto Ruhr alla Slavicist Evangelical Press dell’Università di Boch. La mossa mostra che i giornalisti che lavorano nei media statali in Russia stanno facendo qualcosa. La famosa commentatrice Lilia Kildiva ha lasciato la Russia e in seguito si è dimessa per protestare contro la propaganda russa nei media.

Guerra in Ucraina: la resistenza di Marina Ovsyanikova ha effetto

+++ 19:15: L’opposizione della giornalista pacifista Marina Ovsyanikova in diretta televisiva russa sembra aver avuto l’effetto sperato. La mossa ha provocato “onde d’urto nella società russa”, ha detto alla Galileus Web Yakov Kronrod, un americano di origine russa attualmente a Mosca. Secondo Conrod, anche i media filogovernativi come il portale Yandex News hanno riportato la protesta. “Migliaia di commenti sono stati lasciati sulla sua pagina Facebook”, afferma Conrod. “Potrebbe essere l’inizio di un’intera ondata di resistenza”.

READ  40 La migliore sekom mini frigo del 2022 - Non acquistare una sekom mini frigo finché non leggi QUESTO!

Guerra in Ucraina: Marina Ovzjannikova condannata a morte

Aggiornato martedì 15 marzo 2022, dalle 18:12: La giornalista Marina Ovsyanikova è stata multata di 30.000 rubli (226 euro) a Mosca dopo che la televisione di stato russa ha manifestato contro la guerra in Ucraina. Secondo il portale per i diritti civili OWD-Info martedì (15 marzo 2022) nel video, il verdetto è stato emesso perché Ovsyanikova ha invitato il leader del Cremlino Vladimir Putin a combattere la guerra in Ucraina.

I suoi avvocati hanno detto alla BBC che non avrebbe potuto contattare il giornalista per diverse ore e che era scomparso. Tuttavia, il famoso giornalista russo Alexei Venediktov ha successivamente condiviso una foto dell’autore con il suo avvocato Anton Kashinsky in tribunale.

La giornalista Marina Ovsyanikova ha lasciato il tribunale.

© Mikhail Japaridze / imago

Lotta contro la guerra in Ucraina: paura di multe più alte

L’UE ha espresso preoccupazione per la scomparsa temporanea di Ovsyannikova. “I suoi avvocati non sono autorizzati a contattarlo”, ha affermato il portavoce dell’UE Joseph Boral. Questa protesta è l’ultimo esempio della coraggiosa presa di posizione del Cremlino contro la menzogna e la propaganda.

Inizialmente si temeva che Ovsyannikova potesse essere punita in base alla nuova controversa legge per aver insultato l’esercito russo. C’è il rischio fino a 15 anni di carcere. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha descritto l’incidente come “eresia” e ha chiesto alla direzione della stazione di occuparsene. A causa della grande folla, anche i media statali non hanno potuto evitare di riferirne.

Proteste anti-Putin in Ucraina: l’insegnante scompare dopo l’arresto

Primo rapporto martedì 15 marzo 2022: MOSCA – Una straordinaria protesta è esplosa lunedì durante la diretta del più importante telegiornale russo: una donna ha manifestato in uno studio televisivo con un manifesto di protesta e forti appelli contro la guerra in Ucraina. Secondo l’organizzazione OWD-Info, è Marina Ovzjannikova, dipendente della stazione. È stata arrestata. Non c’è stato alcun segno di vita da parte sua dal suo arresto.

READ  40 La migliore rivelatori termici del 2022 - Non acquistare una rivelatori termici finché non leggi QUESTO!

Durante la trasmissione “Vremya” di Pervy Coal lunedì sera (14/03/2022), è apparso improvvisamente dietro la conduttrice Ekaterina Andreeva e ha alzato un cartello che diceva “Ferma la guerra”. Non fidarti della campagna. Qui stai mentendo. ”Dentro la telecamera. Prima che la trasmissione in diretta finisse e andasse in onda il rapporto sugli ospedali, ha gridato “Stop alla guerra!”

Guerra in Ucraina: nessuna traccia di un giornalista arrestato – i pubblici ministeri cacciano

Dopo la protesta contro il conflitto in Ucraina, quattro diversi avvocati hanno cercato di trovare l’autore a Mosca, ma senza successo. Nessuno lo ha visto da quando Marina Ovsyanikova è stata arrestata. Danil Berman, uno degli avvocati, ha detto a Medusa Medusa che stava cercando un giornalista. Di conseguenza, Marina Ovzjannikova è stata portata l’ultima volta alla stazione di polizia nel distretto di Ostankinsky a Mosca. Tuttavia, quando è stato chiesto da un’organizzazione per i diritti umani, la polizia ha detto che il giornalista non era più alla stazione di polizia.

Screenshot del sito di notizie Twitter mostra la dichiarazione di Marina Ovsyanikova prima della sua azione alla televisione russa.

© dpa / Twitter

La notte del 15 marzo, Ovsyanikova è stata trovata nella stanza di servizio della torre televisiva Ostankinsky a Mosca. Tuttavia, quando l’avvocato Henri Discarisville ha cercato di arrivarci, non è stato in grado di localizzare il giornalista arrestato. Altre fonti fanno capire che non era presente alla questura di Ostagine.

Giornalista trattenuto in luogo sconosciuto: “E’ insabbiato dai suoi avvocati”

Nel frattempo, un altro avvocato dell’insegnante scomparsa, Anastasia Kostanova, ha parlato alla BBC. “Io e i miei colleghi abbiamo passato la notte a cercare il giornalista che era detenuto nell’edificio di Channel One”, ha detto l’avvocato. Ma non è stato possibile trovare Marina Ovsyanikova.

READ  40 La migliore lampade notturne del 2022 - Non acquistare una lampade notturne finché non leggi QUESTO!

“Cercando di nasconderla ai suoi avvocati, privarla della rappresentanza legale e preparare la condanna più severa”, ha detto l’avvocato alla BBC.

Arrestato giornalista russo: approvata legge

In una dichiarazione rilasciata dall’agenzia di stampa russa Toss, l’emittente ha parlato di “un incidente con una strana donna durante la registrazione”. Si terrà un’inchiesta interna sulla lotta contro la guerra in Ucraina. Secondo Doss, la giovane donna potrebbe essere perseguita per “aver diffamato l’uso delle forze armate russe”.

Il parlamento russo ha recentemente approvato una legge che permetterebbe di infliggere fino a 15 anni di reclusione per aver diffuso false informazioni sui militari. Descrivere l’azione militare russa come una “guerra” è diventato un reato punibile. Ciò impedirà notizie di guerra in Ucraina.

Russia – Il giornalista ammette campagna: “Oggi mi vergogno tanto”

In un video preregistrato pubblicato da OWD-Info, Ovzyannikova ha spiegato che suo padre era ucraino e sua madre russa. Pertanto, non può tollerare di vedere entrambi i paesi come nemici. “Purtroppo ho lavorato per Pervy Coal negli ultimi anni e ho fatto una campagna per il Cremlino. Oggi mi vergogno molto”, ha detto.

Quando tutto è iniziato nel 2014 eravamo tranquilli*Ha continuato menzionando esplicitamente l’occupazione della Crimea da parte di Mosca e il suo sostegno ai separatisti sostenuti dalla Russia in Ucraina. “Non siamo andati alle proteste durante il Cremlino (ora incarcerato il leader dell’opposizione Alessio). Navalny ha bevuto del veleno*. Abbiamo osservato tranquillamente questo malgoverno. Ora il mondo intero ci ha ignorato.

Russia: la lotta del giornalista ha suscitato grandi lodi

Il video della protesta si è diffuso a macchia d’olio sui social durante il telegiornale. Molti internauti in tutto il mondo hanno elogiato la donna per il suo “coraggio straordinario”. Leonid Volkov, confidente del critico del Cremlino Navalny, ha annunciato su Twitter che il movimento di opposizione era “pronto a pagare qualsiasi multa” inflitta a Ovsyanikova. (lz / afp / dpa) * fr.de è un’offerta IPPEN.MEDIA.

Elenco Rubrix: © dpa / Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.