La Russia abbandona l’importanza delle sanzioni, per presentare un conto sanitario completo

Il 14 gennaio 2022 il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov terrà una conferenza stampa annuale sulla diplomazia russa nel 2021 a Mosca.

Dimitar Delkov | Afp | Getty Images

Giovedì, il ministro degli Esteri russo ha assunto un tono di sfida di fronte all’intensificarsi delle sanzioni economiche, dicendo che il suo Paese si sarebbe ripreso dalla crisi con una “bolletta sanitaria completa” e giurando di non fare più affidamento sui partner occidentali.

Sergey Lavrov ha detto alla CNBC che la Russia può gestire la propria economia da sola mentre lo stato paria viene sempre più isolato dalle potenze internazionali che cercano di contrastare l’invasione dell’Ucraina da parte del presidente Vladimir Putin.

“Riguardo ai nostri problemi economici, lavoreremo per risolverli”, ha detto Lavrov a Hadley Gamble della CNBC in Turchia. dopo i suoi discorsi Insieme a Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. In diversi altri punti, ha osservato Lavrov, la Russia ha affrontato periodi di isolamento e difficoltà economiche.

Il veterano ministro russo ha aggiunto che non aveva più alcuna illusione che ci si potesse fidare dell’Occidente, accusandolo di tradimento.

Lavrov ha detto tramite traduzione.

“Faremo di tutto per non dipendere, in alcun modo, dall’Occidente in quelle aree della nostra vita che sono di fondamentale importanza per il nostro popolo”, ha affermato.

Non è chiaro come la Russia cercherà di far funzionare la sua economia in modo indipendente in futuro.

L’economia russa è caduta in ginocchio nelle due settimane dall’inizio della guerra in Ucraina, poiché gli alleati occidentali hanno cercato mezzi economici per fare pressione su Putin per porre fine al conflitto.

READ  L'Europa impone sanzioni alla Russia per la crisi ucraina e coordina la pressione con gli Stati Uniti

rublo russo continua a scendere Questa settimana, ha toccato minimi record tra altre eccezioni finanziarie, mentre le negoziazioni alla Borsa di Mosca rimangono in gran parte sospese. Le sanzioni occidentali mirano a far crollare l’economia russa e Molti economisti suggeriscono che è probabile che funzioni.

Giovedì il Cremlino ha dichiarato che l’economia del Paese era in uno stato di “shock” sulla scia del… Una guerra economica “senza precedenti”.

Nel frattempo, continuano le pressioni sulla cerchia ristretta dell’élite di Putin, con la Gran Bretagna giovedì Il proprietario del Chelsea Football Club Roman Abramovich e altri sei si sono aggiunti a un elenco crescente di oligarchi che affrontano la confisca dei beni in base alle sanzioni del Regno Unito, dell’UE e degli Stati Uniti.

Giovedì Lavrov ha affermato che le attuali sanzioni sono in contrasto con i chiari valori democratici occidentali, citandoli come un altro esempio di sfiducia.

Ha detto: “Chi ha mai sentito parlare di violazione dei diritti di proprietà privata con un semplice movimento del dito? Chi ha sentito parlare della premessa dell’innocenza, un pilastro del sistema legale in Occidente, viene ignorato e gravemente violato?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.