La Russia ha affermato che vietare Swift potrebbe equivalere a una dichiarazione di guerra

Il divieto di SWIFT potrebbe far impazzire di nuovo la Russia.

L’invasione russa dell’Ucraina provocò una serie di conseguenze che presto si fecero sentire in tutto il mondo.

A parte la proprietà e la vita umana, la finanza globale – e la criptovaluta in particolare – ha subito un enorme colpo.

Sabato, gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali hanno impedito ad alcune banche russe di accedere al sistema di pagamento internazionale SWIFT, aumentando la pressione su Mosca mentre continua la sua offensiva militare contro l’Ucraina.

Articolo correlato | Perché la Banca centrale europea pensa che le normative rapide sulle criptovalute limiteranno Putin

Il provvedimento è volto a sequestrare le riserve della Banca Centrale dell’economia russa e ad isolare alcune banche russe da un’importante rete finanziaria mondiale.

La Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication, o SWIFT, è un’organizzazione belga di 48 anni che funge da centro di compensazione per i trasferimenti di denaro interbancari internazionali.

Più di 2.000 istituti finanziari in più di 200 paesi, inclusa la Russia, si affidano al sistema di messaggistica sicuro. Ogni giorno, SWIFT trasferisce decine di miliardi di dollari tra più di 11.000 banche e altre istituzioni finanziarie in tutto il mondo.

Divieto rapido: da asporto veloce

Le restrizioni della banca centrale mirano a limitare l’accesso alle riserve del Cremlino di oltre 600 miliardi di dollari, ostacolando la capacità della Russia di preservare il rublo mentre il suo valore precipita in risposta alle rigide sanzioni occidentali.

Secondo le autorità statunitensi, le azioni di sabato miravano a gettare il rublo in una “caduta libera” e ad aumentare l’inflazione in aumento in Russia.

READ  Le aziende aumentano i prezzi mentre i consumatori "vendicano" la spesa

Total crypto market cap at $1.728 trillion in the daily chart | Source: TradingView.com

Relazione di divieto SWIFT con criptovaluta

La capitalizzazione di mercato di tutte le criptovalute è scesa di $ 200 miliardi sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, in calo di oltre il 12% nelle ultime 24 ore.

Secondo CoinDesk.com, le cessioni di criptovalute hanno totalizzato $ 250 milioni a livello globale poco dopo l’incursione russa in Ucraina.

Il crollo arriva appena quattro giorni prima che gli Stati Uniti e l’Unione Europea accettassero di imporre le sanzioni finanziarie più dure finora alla Russia per aver attaccato il suo vicino.

Anche prima dell’annuncio del divieto di SWIFT, molte delle criptovalute più grandi e prestigiose nello spazio crittografico erano in profondo rosso.

Secondo il market tracker Coingecko.com, bitcoin è sceso al livello più basso dal 24 gennaio al di sotto di $ 35.000 prima di avanzare leggermente al di sopra di tale limite.

Punire la Russia strangolando SWIFT potrebbe avere ampie ripercussioni per lo spazio delle criptovalute. Agli occhi di alcuni sostenitori, potrebbe smorzare il loro entusiasmo per gli investimenti.

Effetto ban SWIFT

Se le azioni di sabato sono dure come descritte, le turbolenze economiche che ne derivano potrebbero portare a disordini politici interni per il presidente russo Vladimir Putin.

La rottura di SWIFT ha un enorme potenziale per diffondere il dolore della rappresaglia occidentale per le atrocità di Putin su scala molto più ampia rispetto ai precedenti round di sanzioni.

E per quanto riguarda le criptovalute, qualsiasi turbolenza nel mercato finanziario globale significa anche un’interruzione del normale flusso di scambi di criptovalute.

READ  Le ferrovie canadesi CP hanno chiuso le ferrovie, i lavoratori scioperano

Ci sono cosiddette emozioni di cui diffidare e placare – e questi sentimenti sono fragili e imprevedibili.

Potrebbe essere peggio

Mentre costringere la Russia alla recessione non impedirà ai suoi carri armati di entrare nella capitale ucraina, esigerà un prezzo per il governo di Putin, se non per l’autocrate personalmente.

Quando la Russia ha invaso e annesso la Crimea nel 2014 e ha sostenuto le forze separatiste nell’Ucraina orientale, i paesi su entrambe le sponde dell’Atlantico hanno considerato l’opzione di Swift.

Secondo l’Associated Press, la Russia ha annunciato all’epoca che la sua espulsione da SWIFT sarebbe stata pari a Dichiarazione di guerra.

Articolo correlato | Il gruppo di volontari ucraini ha raccolto 4 milioni di dollari nel mezzo dell’invasione russa

Featured image from ABC News, chart from TradingView.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.