La serie Netflix non è all'altezza dei romanzi

Il romanzo poliziesco di Patricia Highsmith del 1955 Il talento di Mr. Ripley è considerato uno dei più grandi thriller di tutti i tempi. Ha prodotto diversi adattamenti cinematografici, tra cui “Il talento di Mr. Ripley” di Anthony Minghella, con Matt Damon e Jude Law. Considerato il successo commerciale e di critica del film del 1999, un adattamento della serie per l'era dello streaming era quasi inevitabile e, dopo essere stato venduto da Showtime a Netflix, “Ripley” ha visto Andrew Scott entrare nei panni del personaggio titolare. Il regista e sceneggiatore premio Oscar Steven Zaillian, autore di opere come “Schindler's List” (per il quale ha vinto un Academy Award per la sceneggiatura non originale) e della serie limitata della HBO del 2016 “The Night Of”, dà il suo tocco personale al thriller psicologico. . Contorto e profondamente inquietante, “Ripley” sembra più sinistro e artificioso rispetto ai suoi predecessori, rendendo la visione noiosa piuttosto che allettante.

Girato in uno splendido bianco e nero, “Ripley” inizia a Roma nel 1961 quando un uomo trascina un cadavere giù da una scala di marmo. Ma la storia non inizia qui. Tornando indietro nel tempo sei mesi dopo, ci ritroviamo nel Lower East Side di New York. Ben diverso dal quartiere alla moda che vediamo oggi nei film e nei programmi TV, l'area ospita alcuni dei cittadini più sgradevoli della Grande Mela.

Qui, in un appartamento angusto e infestato dai topi, il pubblico viene presentato a Ripley, un ladruncolo che si guadagna da vivere truffando i pazienti chiropratici con i loro soldi. Mentre il suo ultimo piano fallisce, si imbatte nell'opportunità che rimodellerà la sua vita per sempre. Una sera, in un bar, viene avvicinato da un investigatore privato (Bokeem Woodbine) che scambia Tom per un amico del figlio del suo ricco cliente. Poco dopo, Tom è su una nave diretta in Italia con il compito di attirare il suo “amico” Dickie Greenleaf (Johnny Flynn) dai suoi genitori preoccupati. Considerando il viaggio tutto spesato in Europa e il patrimonio della famiglia Greenleaf come un'opportunità per comprendere lo stile di vita che crede di meritarsi, Tom intraprende un percorso oscuro segnato da bugie, inganni e omicidi.

READ  Al Pacino afferma che la sua breve candidatura all'Oscar come miglior film è stata una "scelta dei produttori"

Più esteticamente gradevole che narrativo, Ripley espone gli errori nel primo episodio. Poiché i personaggi sono più vecchi rispetto agli adattamenti precedenti (Scott e Flynn hanno entrambi più di 40 anni), non è plausibile che i Greenleaves mandino un uomo che non conoscono alla ricerca del loro figlio adulto. Inoltre, grazie al suo comportamento distaccato, Tom non finge nemmeno l'affetto o la familiarità necessari per portare a termine questo trucco.

Mentre Dickie, un pittore alle prime armi senza talento, riceve Tom calorosamente, la sua ragazza Marge (Dakota Fanning) si insospettisce immediatamente della sua presunta conoscenza. La sua intuizione è corretta: alla fine del primo capitolo, “Un uomo difficile da trovare”, Tom inizia a formulare i suoi piani per prendere per sé la vita sontuosa di Dickie. Ciò che è difficile da conciliare è che Tom è completamente privo di magia. È un pensatore veloce che può tracciare meticolosamente la sua via d'uscita dagli angoli bui, ma la personalità sociopatica di Tom e l'incapacità di mostrare anche un frammento di umanità rendono “Ripley” un orologio cupo e scomodo.

Tuttavia, lo spettacolo rimane uno spettacolo cinematografico straordinario, con riprese lunghe dei monumenti, dei canali e dell'architettura italiana. Ma gli episodi sono dolorosamente lunghi e pieni di spazi morti. Mentre Tom trascorre molto tempo da solo, pianificando le sue prossime mosse o ripulendo i suoi vari pasticci sanguinosi, gli spettatori sono costretti a trascorrere il loro tempo con lui mentre completa compiti noiosi (scrivere documenti falsi, ripulire prove).

Inoltre, sebbene Tom sia narcisista e abbia capacità limitate con le persone, Dickie e Marge non sono molto migliori. Indipendentemente dal fatto che lo spettatore appoggi o meno le bugie e i piani di Tom, la coppia centrale dello show ha poca profondità. Dickie è isolato e ingenuo, un ragazzo con un fondo fiduciario a cui è stato consegnato il mondo. Sebbene non meriti certamente di essere una delle vittime di Tom, la sua mancanza di astuzia lo rende una preda facile e deplorevole. Nel frattempo, nonostante veda oltre la facciata di Tom, Marge permette che la sua distinzione venga spazzata via dalla percepita disapprovazione di Dickie; L'arco narrativo del suo personaggio che segue è una completa delusione.

READ  Monopoly Movie: la società LuckyChap di Margot Robbie sta producendo il film

Ripley vacilla in parte perché Tom è privo di tentazioni e di accettazione. La serie non ha nulla dell'omoerotismo del film di Minghella, il che è deludente dal momento che la sensualità di Scott si è irradiata fuori dallo schermo in altri ruoli. Oltre al suo primo romanzo, Ripley, la Highsmith ha scritto quattro serie con un artista della truffa che trama per farsi strada attraverso la Francia e la Germania. Essendo un Tom più vecchio ed esperto, il punto di vista di Scott sull'imbroglione avrebbe potuto essere più riconoscibile in una di quelle storie. Inoltre, dati i riferimenti pieni di odio di Tom alla zia che lo ha cresciuto, i flashback della sua infanzia avrebbero potuto creare una storia più potente, dando al personaggio una dimensione tanto necessaria.

Alla fine, “Ripley” non riesce a offrire una prospettiva nuova o interessante sul famigerato truffatore. I progetti precedenti hanno fornito un'esperienza più coinvolgente poiché il pubblico è rimasto affascinato dai progetti vili di Tom. Qui, nel corso di otto tiepidi episodi, non subisce mai alcuna trasformazione radicale. Fin dall'inizio, è solo un imbroglione privo di ingegno.

Ripley debutta il 4 aprile su Netflix.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto