L’incentivo di Corona a lavorare da casa – ecco perché l’home office maschile – può affrontare meglio la politica interna

La crisi del Corona – Necessaria – Dato il lavoro mobile, la digitalizzazione nell’home office e la digitalizzazione della carriera è stata un’enorme spinta!

Quasi il 60% dei dipendenti ora lavora su dispositivi mobili e l’80% di loro lavora nell’home office, secondo uno studio del Farmer Replacement Fund BILD è disponibile esclusivamente.

Ma non tutti sono ugualmente bravi!

Gli studi dimostrano che gli uomini sono più a loro agio a lavorare da casa rispetto alle donne. Fattore decisivo: è facile vedere il divario tra lavoro e vita personale. Gli autori dello studio la chiamano gestione delle frontiere.

“Le donne hanno ancora bisogno di bilanciare più spesso la famiglia e il lavoro, il che rende molto più difficile lavorare senza problemi in casa”, ipotizza il professor Christophe Strop, CEO di Barmer.

Un altro motivo: due uomini su tre hanno la possibilità di tornare a casa in un ufficio separato. Per le donne è solo il 54 per cento.

Lo stress extra in famiglia e in famiglia si riflette nei sentimenti negativi tra le donne:

Il 32% delle donne si sente stanco di lavorare da casa, rispetto a solo il 26% degli uomini. Quasi una donna su cinque si lamenta di insicurezza legata al lavoro, una su sette per gli uomini.

Ma nel mondo del lavoro la spinta alla digitalizzazione è qualcosa di buono!

Sebbene l’implementazione di nuovi metodi di lavoro digitali inizialmente abbia causato un po’ più di stress percepito tra i dipendenti, ciò ha portato in seguito a una riduzione significativa. Il datore di lavoro agricoltore Strap si rende conto: “Il lavoro digitale e flessibile all’inizio è una sfida, ma alla fine, le aziende e i dipendenti possono beneficiarne allo stesso modo.

READ  Elezioni presidenziali in Italia: Berlusconi ritira la candidatura

In collaborazione con l’Università di San Gallo, il rappresentante di Barmer, lo studio “Community Health @ Work”, ha intervistato circa 8.000 dipendenti per un totale di tre anni e mezzo in otto round. La stima attuale si basa sui risultati della terza indagine, che si è conclusa a luglio 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.