L’interruzione dei Warriors mostra la perdita di Timberwolves, afferma l’allenatore Steve Kerr

MINNEAPOLIS — Dopo aver accumulato il peggior periodo della stagione a febbraio, i Golden State Warriors stavano cercando di voltare pagina quando sono usciti dall’All-Star break e il calendario è passato a marzo.

Ma invece, è stato lo stesso – e forse peggio – quando hanno lasciato che i Minnesota Timberwolves segnassero il maggior numero di punti da un avversario in questa stagione sulla strada per una sconfitta per 129-114.

I Warriors ora hanno perso tre delle ultime quattro partite e hanno solo un vantaggio di metà partita sui Memphis Grizzlies per finire secondi nella classifica della Western Conference.

Ma a differenza delle altre due sconfitte dei Warriors – il crollo dei Denver Nuggets e dei Dallas Mavericks – le loro sconfitte contro i Timberwolves mancavano di ogni minima coesione e combattimento.

“Questa è la prima volta che sento una rottura nella nostra relazione e questa dovrebbe essere l’eccezione piuttosto che la regola”, ha detto l’allenatore dei Warriors Steve Kerr. “Quindi questa è la cosa più importante per me e non vedo l’ora”.

Dopo aver esaminato il film delle partite dei Warriors contro Denver e Dallas, Kerr ha detto che gli è piaciuto il modo in cui la sua squadra ha giocato nell’ultimo quarto di entrambe le partite.

Sentiva che la difesa era buona, ma soprattutto, il Golden State ha giocato con energia che li aiuta a prosperare. Ma martedì a Minneapolis mancava tutto ciò.

“[I saw it] Ovunque”, ha detto Kerr di come la mancanza di comunicazione ha giocato contro i Timberwolves. Non è solo una cosa tangibile quanto una sensazione e un’energia, uno spirito collettivo. Non mi è piaciuta l’energia o lo spirito stasera”.

READ  Antonio Brown scarica Tom Brady e Bruce Ariane sui social

Mentre Kerr dice che la rottura della sua squadra non è un concetto tangibile in bianco e nero, Stefano Curryche ha guidato i Warriors con 34 punti, crede che possa essere ricondotto a qualcosa di molto reale.

“Abbiamo molti allenamenti e formazioni diverse e cerchiamo di apportare modifiche rapidamente”, ha detto Curry. “Dobbiamo essere più sincronizzati come unità di cinque.

I guerrieri erano senza di loro Draymond Green Per 24 partite, di cui 7 secondi giocati il ​​9 gennaio quando Klay Thompson è tornato. Nel frattempo, Thompson non è stato un giocatore coerente per i Warriors a causa dei suoi minuti limiti e del fatto che non ha giocato alla fine di una delle partite consecutive. Andre Iguodala Ha saltato 15 partite su 16.

Mosè Modiche martedì ha iniziato al posto di Thompson, ha lasciato la partita nel secondo quarto con un livido all’occhio sinistro, che secondo Kerr era “gonfio”.

Ciò ha portato a una formazione iniziale e snella, impedendo ai guerrieri di costruire una vera alchimia. Li ha anche lasciati senza due dei loro giocatori con il QI più alto.

“Abbiamo avuto molta confusione”, ha detto Carey. “Questa non è una scusa per il modo in cui giochiamo, ma siamo costruiti come un’intera squadra. Fino a quando non lo avremo, non sono sicuro se vedremo il nostro full cap, ma nel frattempo dobbiamo fare le piccole cose per continuare a costruire fiducia”.

Thompson, che ha saltato le due partite precedenti a causa di una malattia generale, dovrebbe unirsi alla squadra a Dallas e potrebbe essere attivo contro i Mavericks giovedì.

Anche Green si unirà alla squadra, anche se non ci sono tempi per il suo ritorno dall’infortunio alla schiena. Iguodala è già con la rosa ma non dovrebbe giocare.

READ  40 La migliore orologi digitali da polso del 2022 - Non acquistare una orologi digitali da polso finché non leggi QUESTO!

I Warriors cercano di adottare un approccio generale mentre cercano di uscire dal funk. Stanno cercando di vedere il lato positivo della presenza dei loro giovani giocatori, come Jonathan Kuminga E Moody, ottieni più tempo per giocare. Confermano il lavoro kevon looney Lo ha fatto come l’unico vero ragazzo grande a loro disposizione. Sanno che è una lunga stagione.

“Sto solo cercando di essere paziente in termini di dove siamo nella stagione e cosa stiamo cercando di fare in un mese e mezzo”, ha detto Curry.

“Dobbiamo solo assicurarci che quando abbiamo una notte come stasera in cui siamo un po’ distratti, dobbiamo lavorare per tornare a casa e ricordare l’obiettivo”, ha detto Kerr.

Ma lo spazio per l’errore si sta riducendo rapidamente e i Warriors si rendono conto che questo è il tratto che dovrebbe prepararli al turno di qualificazione. Quindi, è necessario apportare modifiche ora e non vedono l’ora di affrontare tutti i loro problemi fino a quando non avranno un elenco completo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.