L’UE discute la domanda di adesione in Ucraina: sostegno a Kiev

ion Al momento della registrazione, gli Stati membri dell’UE avevano elaborato tre domande di adesione da Ucraina, Georgia e Moldova. Sono stati ricevuti la scorsa settimana e inviati alla commissione mercoledì, con una richiesta di commento. Questo è il primo passo verso lo status di candidato. Questo è di solito almeno sette mesi. Questo è il primo segnale importante per i paesi che vogliono aderire: le loro preoccupazioni ei loro bisogni vengono presi sul serio in vista della minaccia o dell’occupazione russa. Ma cos’altro possono aspettarsi dall’UE?

Thomas Kutzker

Corrispondente politico dell’UE con sede a Bruxelles per la NATO e Penelope.

Questa era la grande domanda quando i capi di Stato e di Stato dell’UE si sono incontrati giovedì sera. Un incontro informale, non a Bruxelles, ma alla Reggia di Versailles, su invito della Presidenza francese. Dovrebbe davvero riguardare il “futuro modello europeo per la crescita e gli investimenti”, ovvero – francamente – ottenere nuovo credito. Questa era la preoccupazione principale del presidente Macron, ma la guerra in Ucraina l’ha capovolta. E’ emersa la discussione sulle domande di adesione, prevista per la cena. Ci si aspettava una “guida politica” dai datori di lavoro e istruzioni su come procedere.

Aspettati uno stato di candidato rapido

Quando sono arrivati ​​nel cortile in piena luce solare, la Guardia Repubblicana li ha salutati con applausi, poiché era già stata preparata la bozza della “Dichiarazione di Versace”. Come al solito, gli ambasciatori ei consiglieri dei capi hanno negoziato. Non dava speranza che i candidati avrebbero presto ottenuto lo status di candidato.

READ  40 La migliore frigorifero larghezza 50 cm del 2022 - Non acquistare una frigorifero larghezza 50 cm finché non leggi QUESTO!

Georgia e Moldova non sono menzionate. Quanto all’Ucraina, è stato affermato che il Consiglio d’Europa riflette le “aspirazioni europee” e il suo “impegno per l’Europa” nell’accordo di associazione. Erano le stesse parole pronunciate dall’ultimo consiglio il 24 febbraio, poche ore dopo l’invasione russa del Paese. Questo riconoscimento non indica il supporto per lo status di candidato. Non c’è nemmeno una frase che l’Ucraina appartenga alla “nostra famiglia europea”. Tutto ciò che è stato detto sulla domanda di adesione è stato ricevuto e immediatamente inviato alla Commissione per un commento.



Durante i colloqui degli ambasciatori, Polonia, Lituania e Slovacchia hanno affermato che dovrebbe esserci una procedura “accelerata” per l’Ucraina e che la Commissione dovrebbe presentare il suo annuncio “il prima possibile” e raccogliere maggiori risorse finanziarie. Di norma, la commissione impiega da un anno a un anno e mezzo per la sua selezione. Germania, Irlanda, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia e Ungheria non vogliono subire pressioni sul tempo. “Non esiste un accesso accelerato”, ha affermato il primo ministro olandese Marc Rutte Versailles. Il cancelliere federale Olaf Scholes ha notato la connessione tra espansione e approfondimento. Un requisito dell’UE è la capacità di “crescere ulteriormente in prospettiva” e prendere decisioni, ad esempio eliminando il consenso su questioni di politica estera. Questi paesi hanno insistito sul fatto che le procedure ei requisiti dell’accordo dell’UE sulla gestione delle domande di adesione dovrebbero essere seguiti. Un ambasciatore l’ha descritta come una “pratica molto seria ea lungo termine” in cui la commissione dovrebbe verificare se un paese soddisfa i criteri per entrare a far parte di Copenaghen. “Francamente, l’Ucraina non è vicina a quel posto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.