L’ultima guerra in Ucraina: FTSE Russell e MSCI rimuoveranno le azioni russe mentre Fitch declassa il rating di Mosca a spazzatura

Raffineria ExxonMobil a Southampton, Inghilterra
I maggiori acquirenti statunitensi di petrolio russo sono ExxonMobil © Adrian Dennis / AFP tramite Getty Images

I Democratici del Congresso stanno esortando le raffinerie statunitensi a interrompere l’importazione di petrolio dalla Russia nel tentativo di aumentare la pressione sul Cremlino una settimana dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

Bobby Rush, il presidente democratico della sottocommissione per l’energia della Camera, e Jerry McInerney, un altro democratico della sottocommissione, hanno scritto al gruppo di raffinerie industriali chiedendo ai suoi membri di smettere di acquistare petrolio greggio russo e prodotti parzialmente raffinati.

Nella lettera ai produttori statunitensi di carburanti e petrolchimici, che è stata vista dal Financial Times, i legislatori hanno scritto: “Dal momento che qualsiasi acquisto di barili russi finanzierà ora la sua guerra con l’Ucraina, il proseguimento di questa attività è diventato irragionevole”.

Separatamente, Jack Reed, il presidente democratico della commissione per i servizi armati del Senato, ha twittato mercoledì: “Le importazioni russe di petrolio devono essere fermate. Le nostre forniture interne sono sufficienti”.

Secondo l’Agence France-Presse, gli Stati Uniti hanno importato circa 209.000 barili al giorno di greggio dalla Russia l’anno scorso, ovvero circa il 3% delle importazioni totali. Ma ha anche importato altri 500.000 barili al giorno di altri prodotti petroliferi, che rappresentano quasi i due terzi di tutto il petrolio incompleto importato dalle raffinerie statunitensi, secondo la società di consulenza Rapidan Energy Group.

Gli ultimi dati della US Energy Information Administration mostrano che i maggiori acquirenti di petrolio russo includono ExxonMobil.

Joe Biden, il presidente degli Stati Uniti, si è detto aperto a un embargo petrolifero sulla Russia. Ma mentre i suoi funzionari discutono sull’opportunità di farlo, molti acquirenti di petrolio si stanno già muovendo per smettere di acquistare forniture dalla Russia.

READ  Le agenzie di segnalazione del credito cancelleranno la maggior parte del debito medico

Secondo quanto riferito, Valero Energy, una raffineria con sede in Texas che importa pesantemente dalla Russia, ha interrotto tutti i futuri acquisti di petrolio russo. Il greggio degli Urali della Russia viene ora scambiato con uno sconto record di oltre $ 18 al barile mentre i produttori del paese lottano per trovare acquirenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.