L’ultima possibilità di rallentare l’espansione?

FPer un attimo è sembrato che questo venerdì a Ginevra potesse essere un passo avanti, anche se piccolo. È qui che Joe Biden e Vladimir Putin si sono stretti la mano per la prima volta a giugno. Undici giorni fa si è svolta qui la Maratona di dibattito internazionale La crisi in Ucraina È iniziato con un incontro di negoziatori russi e statunitensi. È qui che finisce attualmente: martedì è previsto un incontro tra i ministri degli Esteri statunitense e russo Anthony Blinken e Sergei Lavrov per una telefonata congiunta. La luce della speranza ha raggiunto uno stallo nei colloqui che Mosca aveva già intrapreso?

Prima dei colloqui, il Dipartimento di Stato era cauto e ottimista: “Il fatto che questo incontro avrà luogo significa che la diplomazia non è morta”. Tuttavia, poche ore prima che Lavrov atterrasse all’aeroporto di Ginevra da Mosca, le cose stavano rallentando. Incandescente Si aspetta un solido successo a Berlino. Rivolgendosi all’Atlantic Bridge a Berlino, il Segretario di Stato americano ha affermato: “Questi sono i difficili problemi che dobbiamo affrontare”. “Non mi aspetto che li risolveremo domani a Ginevra”. Ma Washington è ancora in trattative con la Russia. “Possiamo promuovere la nostra comprensione reciproca”, ha continuato Blingen. Anche questo è l’ampliamento del confine russo con l’Ucraina: “questo eviterà una crisi nelle prossime settimane”.

Una svolta – non ancora

Il vertice di Ginevra potrebbe essere l’ultimo sforzo per una soluzione diplomatica, un ultimo sforzo per disinnescare la Russia. Nel pomeriggio i due ministri degli Esteri compariranno separatamente ai giornalisti. Tuttavia, le rispettive posizioni dovrebbero essere diventate chiare nelle ultime due settimane. Dal segnale iniziale a Ginevra il 10 gennaio, la provocazione russa di stazionare 100.000 soldati vicino al confine ucraino è stata discussa a livello internazionale in quattro occasioni: durante l’ultima visita del Consiglio NATO-Russia e del Consiglio Permanente dell’OSCE e la visita di Blingen. A Kiev e Berlino questa settimana. Ginevra Sesto incontro su questo tema in undici giorni. Una svolta – non ancora.

La conoscenza non è mai stata preziosa

Leggi F+ gratuitamente per 30 giorni e accedi a tutti gli articoli su FAZ.NET.

Leggi F + ora


Invece, Washington parla di una situazione “molto pericolosa”. Siamo in una posizione in cui la Russia può attaccare l’Ucraina in qualsiasi momento. Giovedì a Berlino, Blinken ha sottolineato: “Questo è un rischio reale, ed è un rischio elevato”. Qualsiasi invasione avrà gravi conseguenze. Giovedì, gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni a quattro ucraini sospettati di collegamenti con l’agenzia di intelligence russa FSB. Si dice che abbiano effettuato “operazioni per destabilizzare l’Ucraina” per conto del governo russo.

READ  Ucraina: allenatore Zivisten licenziato per Kryg Gegen Putin - Politic Ausland

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *