Non ci sono piani per l’occupazione

R.L’ambasciatore degli Stati Uniti a Washington ha respinto i timori occidentali che le truppe russe possano presto invadere l’Ucraina. “Non c’è aggressione, nessun piano del genere”, ha detto Anatoly Antonov all’emittente americana. CBS Di domenica. La Russia vuole continuare i suoi sforzi diplomatici per risolvere tutte le questioni in sospeso.

Riferendosi alle richieste di Mosca all’Occidente, ha detto: “Vogliamo mettere tutto su carta. Vogliamo vedere garanzie legali per la sicurezza russa”. Secondo Antonov, la NATO non è una “ONG amante della pace”. “Non vogliamo che la prossima ondata di espansione della NATO avvenga”, ha detto, riferendosi alle aspirazioni dell’Ucraina di unirsi all’alleanza militare.

La CBS e il New York Times hanno precedentemente riferito che Putin aveva già ordinato l’invasione dell’Ucraina. I suoi comandanti a terra escogitarono piani di guerra. Queste informazioni dovrebbero essere nell’ultima settimana Joe Biden è stato invitato a testimoniare venerdìIl presidente russo Vladimir Putin ha deciso di lanciare un attacco. Il governo Biden in seguito disse che era “di più” perché le truppe russe erano ora più vicine al confine e avevano una maggiore prontezza alla guerra. Tuttavia, questo ordine non significa che l’invasione sia certa, perché Putin può sempre cambiare idea.

“Beh, sfortunatamente, ci aspettiamo tutto”, ha detto all’emittente l’ambasciatore ucraino negli Stati Uniti Oksana Markarova. “Lavoreremo giorno e notte per cogliere ogni opportunità per impedire alla Russia di invadere”. Tuttavia, contrariamente a quanto affermato dall’ambasciatore Antonov, la Russia negli ultimi giorni è stata coinvolta in provocazioni nella regione di Donetsk e dimostra che Luhansk è iniziata.

Secondo fonti statunitensi, la Russia ha ammassato circa 150.000 soldati al confine con la vicina Ucraina, ma ha negato qualsiasi piano di attacco. Negli ultimi giorni la situazione si è intensificata, soprattutto in prima linea tra l’esercito ucraino e i separatisti filo-mosca nell’Ucraina sudorientale, dove da anni controllano le regioni di Donetsk e Luhansk. Anche le truppe russe sono rimaste in Bielorussia più a lungo di quanto annunciato, non lontano dal confine ucraino.

READ  La Francia incendia le centrali a carbone: preoccupazione per le interruzioni di corrente

L’ambasciatore ucraino parla del “fallimento della politica estera tedesca”

L’ambasciatore ucraino in Germania Andriy Melnyk ha ribadito la sua richiesta di forniture di armi tedesche sulla scia dei timori di un’invasione russa. “Oggi non abbiamo solo bisogno di parole, abbiamo bisogno di espressioni di solidarietà, abbiamo bisogno di armi di difesa”, ha detto domenica Melnik all’emittente “Built TV”. “Ci vengono ancora negate queste armi che la Germania può fornire”. Melnik ha invitato l’Occidente a decidere sulle sanzioni contro la Russia nell’ambito del dibattito “prima del bombardamento di Kiev”.

Sebbene la Germania continui a rifiutare, lo fa anche la Russia Presidente Putin Infatti nei prossimi giorni o settimane invaderà l’Ucraina, che è un “fallimento della politica estera tedesca” e una “dichiarazione di fallimento”. “E gli ucraini non dimenticheranno mai questo tradimento”, ha detto l’ambasciatore. Il presidente ucraino Volodymyr Zhelensky si è lamentato sabato alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, Il suo paese viene messo da parte quando entra a far parte della NATO. Ha detto nel suo discorso che la NATO parla sempre della sua “porta aperta”. Ma ciò di cui l’Ucraina ha bisogno sono risposte trasparenti e oneste. Infatti, ha detto: “Servono risposte oneste”. Ha anche chiarito che non voleva che il suo Paese fosse una “via di mezzo tra la Russia e l’Occidente”.

Il governo federale ha recentemente riaffermato la sua posizione negativa sulla fornitura di armi all’Ucraina. “Questo non è il momento di spostare la nostra rotta di 180 gradi”, ha detto venerdì il ministro degli Esteri dell’Unione, Annalena Barbach (Verdi), in una conferenza sulla sicurezza a Monaco. Il cancelliere Olaf Scholes (SPD) ha insistito sul fatto che al momento “non c’era motivo” per modificare i regolamenti sull’esportazione di armi. “Ora è esattamente il momento sbagliato”, ha detto venerdì dopo il vertice UE-Africa a Bruxelles.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *