Più di 4.300 arrestati nelle proteste contro la guerra in Russia

  • La polizia arresta i manifestanti contro la guerra
  • Proteste nelle città di tutta la Russia
  • I sondaggisti russi affermano che le valutazioni di Putin sono aumentate

LONDRA (Reuters) – La polizia ha arrestato più di 4.300 persone domenica durante le proteste in tutta la Russia contro l’invasione dell’Ucraina da parte del presidente Vladimir Putin, secondo un gruppo indipendente di monitoraggio delle proteste.

“No alla guerra”, hanno cantato migliaia di manifestanti. E “vergognati”, secondo i video postati sui social da attivisti dell’opposizione e blogger.

Decine di manifestanti sono stati visti agli arresti a Ekaterinburg, negli Urali. Un manifestante è stato visto picchiato a terra dalla polizia antisommossa. Un murale in città che mostra il presidente Vladimir Putin è stato deturpato.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reuters non è stata in grado di verificare in modo indipendente i filmati e le foto sui social media. Il ministero dell’Interno russo ha affermato in precedenza che la polizia aveva arrestato circa 3.500 persone, di cui 1.700 a Mosca, 750 a San Pietroburgo e 1.061 in altre città.

Il ministero dell’Interno ha detto che 5.200 persone hanno preso parte alle proteste. Il gruppo di monitoraggio delle proteste OVD-Info ha affermato di aver documentato la detenzione di almeno 4.366 persone in 56 diverse città.

“Le viti vengono serrate completamente – stiamo praticamente assistendo alla censura militare”, ha detto al telefono da Tbilisi la portavoce di OVD-Info Maria Kuznetsova.

“Oggi assistiamo a proteste abbastanza ampie, anche nelle città siberiane dove raramente assistiamo a un tale numero di arresti”.

Le ultime proteste russe che hanno visto un numero simile di arresti sono state nel gennaio 2021, quando migliaia di persone hanno chiesto il rilascio del leader dell’opposizione Alexei Navalny dopo che era stato arrestato al suo ritorno dalla Germania, dove si stava riprendendo da un avvelenamento da agenti nervini.

READ  Blinken: "Putin fallirà e la Russia subirà una sconfitta strategica" in Ucraina - Live politica Usa | Notizie dagli Stati Uniti

Alcuni media russi controllati dallo stato hanno pubblicato brevi resoconti sulle proteste di domenica, ma non sono stati in cima ai telegiornali.

La RIA ha affermato che la piazza Manzhnaya di Mosca, adiacente al Cremlino, è stata “liberata” dalla polizia, che ha arrestato alcuni partecipanti a una protesta non autorizzata contro l’operazione militare in Ucraina.

Sostegno della Chiesa

La RIA ha anche mostrato filmati di quelli che sembravano essere sostenitori del Cremlino che guidavano lungo il ponte di Mosca, sventolando bandiere russe e i segni “Z” e “V” usati dalle forze russe sui carri armati che operano in Ucraina.

Il patriarca Kirill, capo della Chiesa ortodossa russa, ha affermato che i valori russi sono messi alla prova dall’Occidente, che non ha offerto altro che un consumo eccessivo e l’illusione della libertà.

Putin, leader supremo della Russia dal 1999, ha definito l’invasione, iniziata il 24 febbraio, una “operazione militare speciale”. Dice che mira a difendere le comunità di lingua russa dell’Ucraina dalla persecuzione e impedire agli Stati Uniti di usare l’Ucraina per minacciare la Russia.

L’Occidente ha descritto le sue argomentazioni come una scusa infondata per la guerra e ha imposto sanzioni volte a paralizzare l’economia russa. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e alcuni altri membri della NATO hanno fornito armi all’Ucraina.

Domenica, Navalny ha chiesto proteste in Russia e nel resto del mondo contro l’invasione. Per saperne di più

READ  La Cina assume un tono diverso mentre l'Occidente condanna la Russia per l'Ucraina

Secondo i video pubblicati sui social media, circa 2.000 persone hanno preso parte a una manifestazione contro la guerra ad Almaty, la città più grande del Kazakistan. Reuters non è stata in grado di verificare in modo indipendente i post.

La folla ha cantato “No alla guerra!” E insulti diretti a Putin che sventola bandiere ucraine.

Palloncini blu e gialli sono stati tenuti in mano a una statua di Lenin che torreggiava sulla piazzetta dove si svolgeva il raduno.

L’agenzia elettorale statale russa VTsIOM ha affermato che il punteggio di supporto di Putin è aumentato di 6 punti percentuali al 70% nella settimana fino al 27 febbraio. La FOM, che fornisce ricerche al Cremlino, ha affermato che il punteggio di Putin è aumentato di 7 punti percentuali al 71% nello stesso periodo. .

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Guy Faulconbridge). Montaggio di Catherine Evans, Frances Kerry, William MacLean e Kevin Levy

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.