Russia e Ucraina aggiornamenti in tempo reale e ultime notizie

Lunedì, il Consiglio di sicurezza russo ha invitato il presidente Vladimir Putin a riconoscere l’indipendenza di due regioni separatiste sostenute dalla Russia nell’Ucraina orientale, in una mossa che potrebbe dargli un pretesto per invadere l’Ucraina, soprattutto dopo le accuse di Mosca secondo cui le forze di Kiev stanno attaccando quelle regioni.

Putin probabilmente prenderà una decisione più tardi lunedì.

I funzionari ucraini lunedì hanno negato gli attacchi, dicendo che le accuse erano disinformazione russa. Funzionari occidentali hanno ripetutamente avvertito che Mosca stava fornendo una ragione per l’invasione.

Tutti i membri del Consiglio di sicurezza intransigente di Putin hanno sostenuto il riconoscimento di due regioni che si chiamano Repubblica popolare di Donetsk e Repubblica popolare di Luhansk. Nelle due regioni vivono circa 800.000 russi.

Putin ha convocato la riunione straordinaria del Consiglio di sicurezza dopo aver accusato l’Ucraina di aver commesso un “genocidio” nelle regioni la scorsa settimana, senza fornire prove.

La decisione viola l’accordo di pace di Minsk del 2015 mediato da Francia e Germania, che aveva lo scopo di riportare le due regioni sotto il controllo di Kiev.

Uno per uno, i funzionari del Consiglio di sicurezza hanno esortato Putin a riconoscere le regioni, sostenendo che Kiev stava cercando di “congelare” il conflitto nell’Ucraina orientale, impedendo una soluzione e lasciando che la Russia coprisse i costi delle regioni.

Putin ha detto che era chiaro che l’Ucraina non aveva intenzione di attuare l’accordo di Minsk, che richiede a Kiev di approvare leggi che garantiscano l’autonomia delle regioni.

I funzionari di Kiev affermano che le leggi consentiranno a Mosca di utilizzare le regioni separatiste come leva sulla politica estera dell’Ucraina e porre il veto alla sua posizione filo-occidentale.

READ  Aggiornamenti in tempo reale di Covid-19: casi, restrizioni e altro

Putin ha affermato che la Russia ha fatto di tutto per risolvere pacificamente la situazione, ma che le autorità ucraine hanno “effettuato operazioni militari punitive in questi territori” in passato e lo stanno facendo di nuovo.

Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza Dmitry Medvedev ha affermato che Mosca dovrebbe proteggere i russi che vivono nelle regioni, dopo che Mosca ha iniziato a distribuire passaporti russi agli ucraini che vivono lì negli ultimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.