“Scontrino per il 2016”: come gli Stati Uniti hanno molestato Putin con trasparenza

“Scontrino 2016”
Come gli Stati Uniti perseguitano Putin con trasparenza

Di Jan Kangar

Da settimane gli Stati Uniti avvertono che la Russia invaderà l’Ucraina. È in circolazione anche una data precisa, ma i russi non invaderanno. Cosa fanno gli americani?

Non è un segreto che decine di migliaia di soldati russi sono di stanza al confine ucraino con attrezzature pesanti. Sono di stanza non solo nel proprio territorio, ma anche in Bielorussia e nell’annessa Crimea. Le navi da guerra russe sono nel Mar Nero. Domanda: Cosa farà il Cremlino? Risposta degli Stati Uniti: ai soldati è stato impedito di invadere l’Ucraina.

L’obiettivo del presidente russo Vladimir Putin è chiaro. Vuole riportare l’ex repubblica sovietica sotto il controllo di Mosca e impedirgli di entrare nell’Unione Europea e nella NATO.

Da settimane gli Stati Uniti avvertono dell’attacco, citando i risultati dell’intelligence. È interessante notare quanto siano specifici gli avvisi. A novembre, gli Stati Uniti hanno parlato per la prima volta dell’invasione immediata della Russia e del dispiegamento di 175.000 soldati al confine ucraino all’inizio di dicembre. Le relative immagini satellitari sono state pubblicate sul “Washington Post”. Si dice che un’invasione a febbraio abbia provocato decine di migliaia di morti e milioni di rifugiati. La capitale Kiev potrebbe essere catturata entro due giorni. Successivamente i mercenari associati ai servizi segreti russi arrivarono nell’Ucraina orientale.

Più di recente, ha avvertito che l’invasione degli Stati Uniti sarebbe iniziata mercoledì 16 febbraio. Nel frattempo, il governo britannico ha annunciato che il Cremlino voleva istituire un governo fantoccio in Ucraina. Gli americani hanno avvertito che la parte russa avrebbe effettuato falsi attacchi da parte delle truppe ucraine per i video della campagna per giustificare un attacco.

Selensky era seccato

Ma la Russia non ha ancora iniziato un’invasione. Il Cremlino accusa gli Stati Uniti di mentire deliberatamente e di aver intensificato il conflitto. La Russia non ha intenzione di invadere l’Ucraina. Anche il governo ucraino è imbarazzato dalle comunicazioni statunitensi. Il presidente Volodymyr Zhelensky ha criticato che ciò avrebbe portato al panico. “Abbiamo carri armati per le strade? No”, ha detto a fine gennaio. “I media danno l’impressione che i soldati siano in città e la gente stia correndo. Non lo è”. Ciò solleva la domanda: perché gli Stati Uniti stanno facendo questo?

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta perseguendo una strategia straordinaria. Secondo le sue stesse dichiarazioni, vuole sventare i piani di attacco di Putin rendendoli pubblici. Indipendentemente dal fatto che Putin voglia davvero farlo, gli Stati Uniti possono avere successo con questo approccio solo a breve termine. Se la Russia invade effettivamente l’Ucraina, si può dire che gli americani hanno messo in guardia su questo sistema. Se la Russia non attacca, gli Stati Uniti insisteranno sul fatto che la loro trasparenza ha impedito una guerra.

Ma ci sono anche dei rischi. Se le truppe russe rimarranno al confine per molto tempo e il conflitto non si intensificherà ulteriormente, gli Stati Uniti perderanno credibilità. Nel frattempo, è probabile che la presenza di truppe destabilizzi ulteriormente l’Ucraina politicamente ed economicamente e indebolisca il governo di Kiev. Sarebbe facile accusare il Cremlino di chiamare gli Stati Uniti un signore della guerra.

Gli Stati Uniti accettano questi rischi. A questo punto i suoi calcoli sembrano funzionare. Il governo russo ha pubblicamente dichiarato di non avere alcuna intenzione di invadere l’Ucraina. Gli Stati Uniti, l’Unione Europea e la Gran Bretagna sono vicini. Ciò rende più affidabile la minaccia di sanzioni massicce durante un attacco.

Collegamento rapido con la Crimea

Gli Stati Uniti, con la loro “diplomazia degli altoparlanti”, si confrontano con il punto di forza della Russia: la guerra dell’informazione. Il Cremlino, guidato da un ex leader del KGB, ha fatto affidamento a lungo sulla disinformazione e l’Occidente spesso risponde impotente. Ci sono due cose in particolare da parte americana. Uno è stata l’annessione della Crimea nel 2014 e l’altro è stato l’intervento della Russia nelle elezioni presidenziali del 2016 in cui Donald Trump ha sconfitto Hillary Clinton.

Nell’amministrazione statunitense, molti che hanno già lavorato per il governo degli Stati Uniti e le sue agenzie sotto il predecessore di Trump, Barack Obama, sono ora in posizioni influenti. Secondo ex alti funzionari, Obama inizialmente ha scoperto dell’intervento russo, ma non ha fatto nulla al riguardo. Biden all’epoca era vicepresidente.

Otto anni fa, la Russia non solo sorprese l’Ucraina quando le truppe e l’equipaggiamento militare furono portati per la prima volta al confine ucraino. Il ministero della Difesa di Mosca ha promesso che si trattava di un’esercitazione. Entro 24 ore, uomini mascherati sono entrati nel parlamento della Crimea. La capitale russa ha affermato di essere stata coinvolta in una rivolta locale di persone nate in Russia. Tre settimane dopo, Putin ha firmato un ordine per rendere la Crimea parte della Federazione Russa. Allo stesso tempo, le fazioni russe hanno sostenuto i separatisti nell’Ucraina orientale. Ora è chiaro che gli uomini mascherati appartenevano alle forze speciali russe.

Il governo degli Stati Uniti era chiaramente consapevole dei piani di Mosca. Ma sotto la pressione dei servizi segreti – che non volevano prendere decisioni su fonti e metodi – nemmeno gli alleati furono informati. “Riesco a ricordare una dozzina di momenti in cui ho pensato che sarebbe stato bello far sapere al mondo ciò che sappiamo”, ha detto al New York Times Michael McFaul, l’allora ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca.

READ  40 La migliore paraspigoli bambini del 2022 - Non acquistare una paraspigoli bambini finché non leggi QUESTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.