Ucraina: Scholz non vuole accettare alcuna violazione dei confini – politica

I capi di stato e di governo degli Stati Uniti e dei loro alleati europei hanno chiesto alla Russia di adottare misure visibili per disinnescare il conflitto in Ucraina. Parlando in una videoconferenza lunedì sera, il presidente Olaf Scholes (SPD) ha convenuto che “tutti sono d’accordo sul fatto che un’ulteriore aggressione russa contro l’Ucraina avrà conseguenze molto più gravi”, ha affermato in seguito il portavoce del governo tedesco Stephen Hepsreit. I partecipanti hanno affermato il “sostegno senza riserve dell’Ucraina alla sovranità e all’integrità territoriale dell’Ucraina”.

Oltre al presidente degli Stati Uniti Joe Biden e Scholes, il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro italiano Mario Draghi, il presidente polacco Andrzej Duda, il primo ministro britannico Boris Johnson, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, la presidente della Commissione europea Ursula van der Leyen e la presidente del Consiglio dell’UE.

Tutti i partecipanti hanno convenuto che le questioni relative alla sicurezza e alla stabilità in Europa dovrebbero essere risolte attraverso negoziati. Hanno riaffermato la loro volontà di proseguire gli sforzi diplomatici, compresi i colloqui diretti tra Russia e Ucraina sotto forma di Normandia mediata dalla Germania e dalla Francia.

Prima che il video cambiasse, Scholes ha detto che la conversazione era un “buon segno di stretta cooperazione” tra gli alleati nel conflitto. “La situazione è grave, ma non solo oggi, per molti, molti giorni, settimane e mesi”. Quindi si può agire. Ciò include insistere affinché i confini non vengano violati in Europa. “Non accetteremo che (…) costerà di più”, ha detto Scholes. (25.01.2022)

L’Ucraina cerca un segnale dalla Germania per entrare nell’UE

L’ambasciatore ucraino in Germania, Andriy Melnyk, ha chiesto al suo paese di avere opportunità di aderire all’UE. “Non provocherà Putin, è un’alleanza economica”. Melnyk dice in ARD Viene menzionato il presidente russo Vladimir Putin. “E speriamo che questi accenti dalla Germania siano necessari ora”. (25.01.2022)

Gli Stati Uniti hanno schierato 8.500 soldati pronti per il trasporto

A seguito della crisi ucraina, il governo degli Stati Uniti ha dispiegato circa 8.500 soldati per prepararsi al trasporto negli Stati Uniti, secondo il Dipartimento della Difesa. Tuttavia, il portavoce del ministero John Kirby ha sottolineato che non è stata ancora presa alcuna decisione sull’opportunità di spostare le truppe in Europa. Sezioni pertinenti sono state poste in allerta su istruzione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden e su raccomandazione del Segretario alla Difesa Lloyd Austin.

READ  40 La migliore ikohs robot aspirapolvere del 2022 - Non acquistare una ikohs robot aspirapolvere finché non leggi QUESTO!

“In quanto tali, sono pronti a rispondere a una varietà di contingenze, incluso il sostegno alla forza di risposta della NATO se viene attivata”, ha affermato Kirby. La NATO decide se implementare questa “NATO Response Force” (NRF). In connessione con la maggiore preferenza, Kirby ha parlato di “riassicurazione ai nostri alleati della NATO”. (24.01.2022)

Le forze della NATO sono in allerta

Secondo il generale Jens Stoltenberg, le forze della NATO sono in allerta. Inoltre, l’alleanza amplierà la sua presenza nell’Europa orientale schierando ulteriori navi da guerra e aerei da guerra.

“Accolgo con favore gli alleati che forniscono forze aggiuntive alla NATO”, ha affermato il segretario generale della NATO a Bruxelles. L’alleanza militare occidentale “adotterà tutte le misure necessarie” per proteggere i suoi alleati e rafforzare la “parte orientale dell’alleanza”.

Dopo essersi consultato con i ministri degli esteri dell’UE a Bruxelles, il capo della politica estera dell’UE Joseph Borel ha sottolineato che gli sforzi per una soluzione diplomatica continueranno. In caso contrario, l’UE è ben preparata a vendicarsi contro l’occupazione russa. Ciò vale anche per la possibilità di attacchi informatici all’Ucraina.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta valutando Una dichiarazione New York Times Secondo Ha inviato migliaia di truppe americane nei paesi della NATO nell’Europa orientale. Secondo fonti governative, una delle tante categorie discusse offre fino a 5.000 giocatori. Questo numero potrebbe aumentare di dieci volte se la situazione dovesse peggiorare. Il trasferimento di truppe in Ucraina non è stato ancora preso in considerazione. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha rifiutato di commentare il rapporto. (24.01.2022)

La Gran Bretagna ritira i diplomatici da Kiev

Anche la Gran Bretagna sta ritirando il personale dalla sua ambasciata nella capitale ucraina, Kiev, a causa della grave situazione tra Russia e Ucraina. Il Foreign Office di Londra ha detto che alcuni membri del personale e dei parenti sarebbero stati richiamati dal Paese in risposta a una crescente minaccia proveniente dalla Russia.

READ  40 La migliore pannelli solari del 2022 - Non acquistare una pannelli solari finché non leggi QUESTO!

Il governo australiano ha esortato tutti i cittadini a lasciare immediatamente l’Ucraina. L’allerta viaggi per il Paese è stata portata lunedì al livello più alto di “non viaggiare” “a causa del rischio di conflitto armato”. Diceva che i parenti dei diplomatici australiani sarebbero stati espulsi dalla capitale, Kiev.

Con una massiccia concentrazione di truppe russe vicino al confine con l’Ucraina, in Occidente si teme che il Cremlino stia pianificando un’invasione del suo vicino. Mosca lo rifiuta e chiede garanzie di sicurezza da parte degli Stati Uniti e della NATO.

L’UE, d’altra parte, al momento non vede alcun motivo per esortare il personale dell’ambasciata a lasciare l’Ucraina. Il capo della politica estera dell’UE Joseph Borel ha dichiarato a margine di una riunione dei ministri degli esteri dell’UE a Bruxelles: “Non credo che dobbiamo fare brutti scherzi. Finché ci sono colloqui con la Russia, non è necessario lasciare l’Ucraina. Borel è d’accordo . (24.01.2022)

Il Ministero degli Esteri opera su piani di emergenza

Il Ministero degli Esteri federale ha lavorato su piani di emergenza per il personale dell’ambasciata e altri cittadini tedeschi in Ucraina, ma al momento non c’è motivo per ampie campagne di rimpatrio. “Abbiamo rivalutato questo aspetto nelle ultime settimane e valutato quanto velocemente possiamo lavorare con i nostri partner europei”, ha affermato il ministro degli Esteri Annalena Barbach (Verdi) in una riunione dei ministri degli Esteri dell’UE a Bruxelles. “Ma voglio essere molto chiaro qui: questo è il vizio.”

Tuttavia, il Ministero degli Esteri federale ora finanzia la partenza volontaria dei familiari del personale dell’ambasciata a Kiev. Questo vale anche per le organizzazioni tedesche come il Goethe-Institut, il German Academic Exchange Service e la Società tedesca per la cooperazione internazionale, ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri Christopher Burger. “Questo è un passo che possiamo fare per garantire la sicurezza delle persone di cui siamo responsabili”. Tuttavia, la capacità dell’ambasciata di Kiev di lavorare è assicurata, ha aggiunto Burger. “In questa situazione, la nostra presenza diplomatica a sostegno dell’Ucraina è ancora necessaria sul campo”. (24.01.2022)

READ  Attacco all'Ucraina: Bruxelles in crisi

Il Dipartimento di Stato americano ordina alle famiglie dell’ambasciata di lasciare l’Ucraina

Il Dipartimento di Stato Usa ha ordinato ai familiari del personale dell’ambasciata a Kiev di lasciare la capitale ucraina. Anche il personale diplomatico che non è necessario immediatamente deve lasciare il Paese. Inoltre, data la minaccia di un’azione militare russa, una dichiarazione afferma che tutti i cittadini statunitensi in Ucraina dovrebbero considerare di lasciare il paese. La mossa del governo Usa è stata speculata per giorni. Kiev ha criticato la mossa definendola “troppo cauta”. (24.01.2022)

Asselborn: Nessuna guerra durante le Olimpiadi

In vista delle Olimpiadi invernali che si terranno a Pechino dal 4 al 20 febbraio, il ministro degli Esteri lussemburghese Jean Aceleborn fa riferimento alla risoluzione delle Nazioni Unite che alle Olimpiadi non ci saranno guerre. “Spero che dia a tutti il ​​tempo di pensare alla guerra e alla pace e prendere la decisione giusta”, ha detto Aceleborn prima che i ministri degli esteri dell’UE inizino le consultazioni a Bruxelles.

Klitschko ha accusato la Germania di non fornire assistenza

Durante la crisi ucraina, il sindaco di Kiev Vitaly Klitschko ha parlato della grande frustrazione nel suo paese per il rispetto da parte del governo federale dell’oleodotto Nord Stream 2 e del suo divieto di forniture di armi. “In una situazione drammatica in cui il nostro Paese è minacciato dalle truppe russe provenienti da molti confini, non è riuscito ad aiutare e a tradire gli amici”, ha detto Klitschko. Foto– Giornale. Molti si sono chiesti se il governo tedesco fosse dalla “parte della libertà” o dalla “parte dell’occupante”. Il ministro degli Esteri Dimitrov Kuleba aveva precedentemente criticato il governo tedesco per essersi rifiutato di fornire armi al suo paese. (24.01.2022)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.