Un punto esclamativo per la Cina, consegnato con i margini più sottili

Quattro anni dopo uno straziante secondo posto alle ultime Olimpiadi, i cinesi Sui Wenjing e Han Kong hanno finalmente vinto la medaglia d’oro nell’evento a due di pattinaggio artistico di sabato. La loro vittoria, che probabilmente sarà l’ultima medaglia della nazione ospitante, ha coronato una settimana piena di scandali e lacrime per il loro sport con una prestazione finale impeccabile e ha aggiunto un punto esclamativo alla migliore medaglia di sempre della Cina ai Giochi invernali.

Sui Han conosceva già l’impatto del magro margine alle Olimpiadi. Sabato hanno finalmente provato la gioia di essere dalla parte dei vincitori.

Il loro oro, proprio come il loro argento quattro anni fa, è arrivato con i margini più alti: 63 centesimi di punto. Quando il loro punteggio è stato pubblicato sul tabellone segnapunti del Capital Indoor Stadium di Pechino, confermando la vittoria sulla coppia russa Evgenia Tarasova e Vladimir Morozov, Sui e Han hanno subito iniziato a piangere di gioia. In pochi secondi, erano scomparsi in un gruppo festoso di allenatori e dirigenti della squadra, incluso uno con una grande bandiera cinese.

Sui ha detto: “Sono così felice, perché sento che il mio sogno si è avverato”.

Con un totale di 239,88 punti dopo aver vinto il programma corto di venerdì e il pattinaggio libero di sabato, Soi e Han hanno appena superato i russi Tarasova e Morozov (239,25 punti). Un’altra coppia russa, i campioni del mondo Anastasia Mishina e Alexander Galiamov, è arrivata terza, a meno di due punti di distanza.

La vittoria di Sui e Han era esattamente ciò che la Cina sperava quando l’evento a coppie è stato posizionato come l’ultimo evento di pattinaggio artistico alle Olimpiadi di Pechino. Era la prima volta in 60 anni che il pattinaggio a due, e non un evento più famoso come il singolo femminile, era l’ultimo evento di pattinaggio ai Giochi invernali.

READ  L'ultima partita casalinga dell'allenatore K: l'UNC trasforma la finale di Cameron Indoor di Mike Krzyewski nella sua stessa celebrazione

In una toccante performance di “Bridge over Troubled Water”, Sui e Han saltano su Tarasova e Morozov, che avevano appena condotto pochi minuti prima con la loro impressionante slitta libera. Tuttavia, il duo cinese ha avuto slancio alle spalle: hanno stabilito un record mondiale di punti nel programma corto venerdì, quindi sono tornati sabato e hanno battuto il record di punti totali. E fecero tutto con gli occhi di una nazione su di loro.

Prima delle partite, il ministro dello sport cinese aveva fissato un obiettivo per la squadra cinese: superare il precedente massimo livello di medaglie del Paese ai Giochi invernali. Il numero da battere era cinque. L’oro di Sui Han è stata la nona medaglia d’oro della Cina a Pechino.

I due sono benvoluti in Cina, forse il miglior titolo per qualsiasi olimpionico. Sulla piattaforma di social networking cinese Weibo, Sui e Han sono conosciuti insieme come Bucket of Scallion. Il nome risale a quando erano adolescenti e Sui ha detto che il suo corpo era a forma di botte. Poiché il nome Cong suona in modo simile alla parola mandarino che si riferisce alle cipolle verdi, i fan le hanno messe insieme.

Sui e Han, entrambi di Harbin, una città con inverni lunghi e rigidi, non vedevano l’ora di rimediare dopo aver perso la medaglia d’oro contro una squadra tedesca ai Giochi di Pyeongchang del 2018 per 43 centesimi di punto.

A Pechino, la coppia cinese ha dovuto affrontare la dura concorrenza di tre coppie russe schierate dietro di loro in classifica dopo il programma corto. Sabato, una dopo l’altra, al termine del pattinaggio artistico, una squadra russa dopo l’altra ha preso il comando solo per cederlo pochi minuti dopo ai russi che lo hanno seguito.

READ  40 La migliore cyclette richiudibile del 2022 - Non acquistare una cyclette richiudibile finché non leggi QUESTO!

Tuttavia, nessuno dei russi è stato abbastanza bravo da battere Sui e Han, che hanno applaudito dalla piccola folla di connazionali che era stata invitata ad assistere al pattinaggio libero.

Successivamente, Sui ha elogiato la Cina, i suoi preparativi per le Olimpiadi e il supporto che lei, Han e i loro allenatori hanno ricevuto.

“E inoltre, vogliamo ringraziare i nostri genitori, che devono aver passato molto davanti ai televisori”, ha aggiunto.

Liu Yi ha contribuito alla ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *