Uno studio afferma che l’inquinamento da carbonio nero causato dal turismo e dalla ricerca sta aumentando lo scioglimento del ghiaccio antartico in Antartide

Inquinamento da carbonio nero da turismo e attività di ricerca in Antartide Secondo una nuova ricerca, è probabile che lo scioglimento del ghiaccio nel continente aumenti di circa 83 tonnellate per visitatore.

Gli scienziati hanno stimato che il black carbon prodotto da navi, aerei e generatori diesel porta allo scioglimento di ulteriori 23 mm di neve ogni estate nelle aree di terra coperte di ghiaccio più visitate.

Più di 74.000 turisti hanno visitato l’Antartide stagione 2019-2020quasi il doppio del numero di dieci anni fa.

Un team di ricercatori ha campionato la neve ogni anno tra il 2016 e il 2020 in 28 siti che si estendono per 2.000 chilometri dalla punta settentrionale dell’Antartide alle montagne di Ellsworth.

Si sono concentrati principalmente sulla penisola antartica, dove circa la metà delle strutture di ricerca si trova nel continente e dove si stima che vengano condotti il ​​95% dei tour antartici.

Il team ha stimato che 53.000 turisti hanno visitato l’Antartide ogni anno tra il 2016 e il 2020.

Il coautore dello studio, il dottor Raul Cordero, dell’Università di Santiago del Cile, ha affermato che le nevi antartiche erano le più pulite sulla Terra, con livelli di base di carbonio nero in genere intorno a una parte per miliardo.

“Questo è 1.000 volte meno di quello che puoi trovare sull’Himalaya e 100 volte meno di quello che puoi trovare nelle Ande o nelle Montagne Rocciose”, ha detto.

Iscriviti per ricevere ogni mattina le notizie più importanti da Guardian Australia.

I livelli di carbonio nero erano da due a quattro volte superiori nei siti della penisola antartica rispetto ad altre parti del continente.

Quello che fa il carbone nero è rendere la neve più scura [so it] “Assorbe più radiazione solare”, ha detto Cordero. “Questa energia extra accelera lo scioglimento del ghiaccio”.

Si ritiene che potrebbe essere necessario introdurre un limite al numero di turisti in Antartide.

Il team ha quantificato il potenziale scioglimento della neve calcolando in che modo l’inquinamento da carbonio nero ha ridotto il bianco della neve, una misura di quanto bene la superficie riflette l’energia solare.

Barca al largo delle coste dell'Antartide
I ricercatori suggeriscono di utilizzare alternative al diesel per alimentare gli impianti antartici, come l’eolico. Foto: Raul Cordero/Università di Santiago, Cile

Hanno calcolato che l’impronta di carbonio nero di un ricercatore antartico era circa 10 volte più grande di quella di un turista.

“Abbiamo stimato che… la neve che si scioglie più velocemente a causa delle attività del ricercatore sarebbe più vicina a 1.000 tonnellate”, ha detto Cordero. “Ogni ricercatore usa navi, aerei, elicotteri, generatori e tutti usano il diesel per alimentarli”.

Cordero ha affermato che mentre la quantità di neve sciolta dall’inquinamento è molto inferiore al ghiaccio e alla neve persi a causa del riscaldamento globale, lo studio evidenzia la necessità di passare a fonti di energia rinnovabile.

“Esistono alternative tecniche al diesel che possono essere utilizzate in Antartide”, ha affermato, citando la stazione di ricerca belga, La principessa Elisabetta d’Antartideche è principalmente spinta dal vento.

Il professor Andrew McIntosh, presidente della School of Atmosphere and Environment della Monash University, che non è stato coinvolto nella ricerca, ha affermato che il legame tra Inquinamento da nerofumo e maggiore solubilità superficiale Era ben consolidato in altre parti del mondo.

“Nella penisola antartica, i due processi principali [affecting melting] Il riscaldamento degli oceani significherebbe comunque lo scioglimento degli strati di ghiaccio dal basso o il riscaldamento delle temperature dell’aria superficiale che stanno sciogliendo il ghiaccio dall’alto”, ha affermato McIntosh.

“Se abbiamo un maggiore aumento della temperatura superficiale [the] Decenni o secoli a venire, come previsto per la Penisola Antartica, il nero extra di carbonio in superficie causerà più scioglimento di quanto non sarebbe avvenuto altrimenti”.

“L’attività umana sta riscaldando le regioni polari, ma sta bruciando… [fossil] Il carburante ha una conseguenza diretta anche in termini di fusione superficiale”.

“Se riesci a sbarazzarti dei gas serra in primo luogo, ridurrai l’aumento della temperatura”, ha affermato. “C’è anche il vantaggio aggiuntivo di ridurre l’opacità delle superfici del ghiaccio”.

“L’Antartide è l’ultimo continente abbastanza incontaminato”, ha detto Cordero. “Penso che dovremmo cercare di mantenerlo tale”.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista peer-reviewed Comunicazioni sulla natura.

READ  Due enormi punti nel mantello terrestre confondono gli scienziati con le loro incredibili proprietà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.