Ogni Bitcoin aiuta: perché l’Ucraina chiede donazioni in criptovalute | Criptovaluta

hLa e può essere influenzata dal termine, ma puoi descrivere Dylan Schultz come un cripto fratello. Gestisce Lavender.Five, un servizio di verifica crittografica che certifica le transazioni sulla blockchain (immagina una filiale non regolamentata della Securities and Exchange Commission).

Il 25 febbraio ha rilasciato a Chiamata Ai suoi 1.700 follower su Twitter, “abbineremo qualsiasi donazione fatta a un ente di beneficenza per sostenere l’Ucraina, fino a un totale di $ 1.000”. Il giorno dopo, Schultz Diffondere i frutti della sua iniziativa; 0,028 bitcoin, che equivalgono a una donazione totale di circa $ 1.100, sono stati inviati a un portafoglio crittografico gestito da una ONG militare ucraina chiamata Come Back Alive. È una piccola parte degli innumerevoli altri detentori di criptovaluta in tutto il mondo che hanno gareggiato per sostenere gli ucraini di fronte a una forza d’invasione. I rapporti affermano che più di 30 milioni di dollari in criptovaluta È stato trasferito nel paese dall’inizio della guerra. La filantropia è finalmente decentralizzata?

“Ho deciso all’inizio che Lavender.Five avrebbe utilizzato la loro piattaforma per fare una differenza positiva, non importa quanto piccola”, dice Schultz. “La criptovaluta in natura è in tutto il mondo. Per donare valuta tradizionale spesso sono necessari intermediari. Non puoi donare direttamente dollari USA, devi prima convertirli in qualche modo o trovare un intermediario. … La criptovaluta risolve questo problema semplificando il processo. Se hai l’indirizzo dell’istituto Beneficenza, puoi semplicemente inserire l’indirizzo, inserire l’importo da donare e premere invia.

L’Ucraina, come molti paesi dell’ex Unione Sovietica, combattere la corruzione e una grave mancanza di finanziamenti internazionali da quando ha ottenuto l’indipendenza nel 1991. Quindi questo è probabilmente il motivo per cui il governo ucraino ha fatto il passo insolito di twittare codici di cripto-portafogli per la finanza globale sia attraverso Bitcoin che Ethereum – le due valute digitali più popolari – dei conti .ufficiale. Ha scritto: “Stai con il popolo ucraino ora accettando donazioni in criptovaluta”. Michailo FedorovIl vice primo ministro ucraino, il 26 febbraio. Le organizzazioni non profit e le imprese locali nel paese assediato hanno rispecchiato la richiesta del governo. Kyiv Independent, quotidiano in lingua inglese pubblicato nella capitale, Accetta il favoritismo tramite bitcoin.

Come Back Alive, la ONG a cui ha contribuito Schultz, era precedentemente attiva su Patreon – elaborando donazioni in valuta tradizionale – prima che fosse cancellata dalla piattaforma perché violava una moratoria esistente sulla raccolta fondi militare. Naturalmente, l’azienda ha trovato una seconda vita grazie a un “gruppo crittografico” chiamato UkraineDAO che riunisce aiuti decentralizzati a una varietà di organizzazioni ucraine. Con il paese che viene gradualmente coinvolto in una brutale guerra urbana, probabilmente ha senso che la popolazione richieda monete non rintracciabili, soprattutto perché le donazioni possono essere anonime ed evitare quindi qualsiasi ritorsione da parte dello stato russo.

“La tecnologia blockchain ci consente di ridimensionare i nostri sforzi in un modo che prima non era possibile per noi”, ha affermato Nadia Tolkonikova, portavoce ucraina di DAO. In un’intervista al New York Times,. “I vecchi metodi per raccogliere fondi a volte sono troppo lenti e goffi”.

Anche per gli appassionati di criptovalute più accaniti, la crisi in Ucraina è una perfetta sintesi dei motivi per cui credono che il dominio economico globale debba essere smantellato. Il popolo ucraino ha bisogno di aiuto e sostiene che la capacità di Bitcoin di evitare la burocrazia sia il modo migliore per fornire un servizio immediato alla popolazione vulnerabile. “È il modo più economico, veloce e sicuro per effettuare transazioni”, afferma Artemis, che ha rifiutato di fornire il suo vero nome ma ha affermato di essere canadese e di aver donato $ 280 di bitcoin a Come Back Alive. “Possono conservarlo al sicuro senza alcun timore che la forza d’invasione lo rubi, o il collasso del sistema bancario a causa della guerra”.

Tuttavia, i donatori devono ancora svolgere la loro due diligence per evitare potenziali frodi, in particolare in una zona di guerra caotica e attiva. Nessuno dovrebbe fidarsi di un portafoglio crittografico randagio che fluttua sui social media senza confermare i dettagli. Soprattutto quando ci sono organizzazioni come The Giving Block, un regolatore di beneficenza che apre percorsi blockchain per le organizzazioni non profit, che richiede un processo di verifica per essere presente sulla piattaforma. Anche nel selvaggio west delle criptovalute, è possibile per i destinatari sapere che le loro dispense stanno andando nel posto giusto, anche se tutti i gruppi ucraini che attualmente accettano donazioni in criptovalute si sono aperti a questo tipo di trasparenza.

Ci sono anche molte prove che la rivoluzione delle criptovalute potrebbe minacciare il fronte interno ucraino. Esperti di politica estera avvertono che l’economia russa potrebbe diventare Crescente dipendenza dalla blockchain Le sanzioni paralizzanti hanno devastato Mosca. rublo Pari a meno di un centesimo Dopo essere svenuto del 30% dopo che Stati Uniti ed Europa hanno tagliato le banche russe per Swift. Le criptovalute sono più resistenti agli attacchi finanziari punitivi e questo fornisce una via di fuga a un paese completamente isolato dalle banche civili.

Molto probabilmente sta già accadendo. sappiamo Russia Sta già sviluppando la propria valuta digitale, il rublo digitale, che utilizzerà nel commercio globale. Le sanzioni destinate a danneggiare Putin danneggeranno solo il popolo russo. Quello che è certo è che Putin ci aveva già pensato prima del conflitto con l’Ucraina e aveva un piano che potrebbe includere le criptovalute”, afferma Mark Bosa, brand globale e direttore commerciale di HOKK Finance.

Lo sforzo bellico, da entrambe le parti, può essere finanziato nel nero più oscuro della blockchain. La criptovaluta è spesso contemporaneamente una forza per il bene e una forza per il male, ma i rischi di questa divisione non sono mai stati così alti. Schultz, da parte sua, intende continuare a sostenere gli ucraini con i suoi simboli. “L’Ucraina non lo voleva, e sta combattendo la battaglia da sola”, dice. “Volevo aiutare come potevo, contattando il maggior numero possibile”.

READ  L'aggiornamento pianificato di OpenSea si blocca mentre l'attacco di phishing prende di mira il relay NFT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.